Il diabete è una malattia molto comune. In Italia circa 3 milioni di persone hanno avuto una diagnosi di diabete e accanto a questi si stima che un altro milione e mezzo abbia la malattia senza saperlo.

Diabete, arriva la scoperta che facilita la terapia

Un gruppo di studiosi dell’Università della British Columbia ha messo a punto un metodo rivoluzionario per gesitre la terapia sul diabete. Scopriamo in cosa consiste.

Il nuovo metodo prevede l’assunzione di insulina, ormone responsabile della regolazione dei livelli di zucchero nel sangue, non attraverso le classiche iniezioni ma tramite tavolette da sciogliere in bocca; una tecnologia ancora in fase di sperimentazione e che, se confermata, aprirebbe scenari importanti per oltre 9 milioni di diabetici sulla terra.

Basta siringhe e aghi, ecco la tavoletta antidiabete

Ad oggi, per assumere l’insulina occorre iniettarla direttamente nell’organismo tramite siringa e ago. Da qui l’idea degli scienziati americani: liofilizzare ed essiccare l’ormone, incapsulandolo in tavolette da assumere oralmente, lasciandole dissolvere fra guancia e gengiva. Proprio in quest’area della bocca si trova una sottile membrana, che consentirebbe di sciogliere in modo omogeneo la tavoletta destinando tutta l’insulina contenuta al fegato senza spreco.

Un farmaco “green”

Una scoperta che, se fosse comprovata, migliorerebbe la vita di più di 9 milioni di diabetici di tipo 1 e che farebbe bene all’ambiente: questa tipologia di terapia, una volta in essere, limiterebbe i rifiuti ambientali generati da siringhe e aghi. La sperimentazione animale ha dato esiti positivi, ora si confida in quella umana.