Foto di Konstantin Kolosov da Pixabay

Con l’arrivo della bella stagione, in molti desiderano smaltire velocemente i chili presi durante l’inverno o a causa di lunghi periodi di inattività. Nella maggior parte dei casi, la perdita di peso è un risultato a breve termine, in quanto il Controllo del Peso è un obbiettivo complesso, che va gestito con criterio nel tempo, evitando diete miracolose fai date te o sottoponendo l’organismo a sacrifici inutili.

Il modo migliore per dimagrire è procedere con calma, perdere mezzo chilo o un chilo a settimana è fattibile e sicuro, e vi aiuterà a mantenere i risultati. Vi darà anche il tempo di modificare il vostro stile di vita rendendolo più sano.

Come dimagrire?

Per dimagrire e mantenere i risultati nel tempo è importante che sia voi che la vostra famiglia modifichiate lo stile di vita rendendolo più sano:

  1. Cercate di bilanciare l’energia in ingresso (le calorie derivanti dagli alimenti e dalle bevande) e quella in uscita (attività fisica),
  2. Seguite una dieta sana.

La dieta del super metabolismo ha uno schema settimanale molto preciso

La dieta del super metabolismo si divide in 3 fasi che durano in tutto 28 giorni.

Fa perdere fino a 7/8 chili in un mese (ovvio, dipende quanti chili devi perdere in partenza) attraverso menù specifici pensati per accelerare il metabolismo.

La dieta del super metabolismo si basa su uno schema ben preciso:

  • il lunedì e il martedì si consumano frutta, verdure, cereali;
  • il mercoledì e giovedì si evitano del tutto i grassi, e si mangiano solo proteine e verdure;
  • il venerdì e il fine settimana si reintegrano alcuni alimenti grassi ma sani, i cereali e la frutta.

Lo schema è molto rigido, e richiede anche un’attività fisica tre volte alla settimana e il rispetto senza sgarri delle tre fasi settimanali.

È una dieta dimagrante restrittiva ma equilibrata. Come tutte le diete, nonostante sia efficace, non può essere seguita per un lungo lasso di tempo, e deve lasciare il posto a un regime più vario.

Se cerchi una dieta drenante e purificante, allora quella del riso è perfetta

La dieta del riso ha un’azione drenante e purificante e assicura ottimi risultati soprattutto se, oltre a perdere peso, vuoi anche sgonfiare la pancia.

Basandosi solo su pochi alimenti, va seguita al massimo per una settimana. Non si assumono molte proteine, quindi, anche per questo motivo, non può essere prolungata oltre una settimana.

Per migliori risultati, scegli il riso integrale, alternandolo con cereali come orzo, miglio o segale.

Il menù tipo della dieta del riso prevede a colazione: crema di riso dolce (riso bollito in molta acqua e frullato), con un pizzico di miele o con contorno di frutti rossi.

A pranzo: riso integrale bollito in molta acqua, da far assorbire quasi per intero (perché anche l’acqua di cottura del riso andrebbe consumata) + un filo d’olio extravergine d’oliva + un frutto.

Cena: minestra di riso (o farro, orzo) condita con verdure lessate a parte. A metà mattina e metà pomeriggio, della frutta.

Dieta sana

Una dieta sana consente di ottenere tutte le calorie necessarie per l’organismo e, soprattutto, tutti i micro e macronutrienti necessari: l’apporto calorico è sufficiente per mantenervi in buona salute, ma non tale da farvi ingrassare.

Una dieta sana ed equilibrata fa anche diminuire il rischio cardiovascolare e di altre malattie, è povera di grassi saturi, di sodio (sale) e di zuccheri aggiunti.

Tra gli alimenti che non dovrebbero mancare in una dieta sana ricordiamo:

  • Latte e derivati (yogurt e formaggi) scremati o parzialmente scremati.
  • Carne magra (soprattutto bianca), pesce, legumi cotti.
  • Alimenti a base di cereali integrali come pane integrale, fiocchi d’avena, riso integrale, pasta, cereali, pseudocereali (quinoa, amaranto, …),
  • Frutta fresca.
  • Verdura fresca, eventualmente integrata con quella in scatola o surgelata.

L’olio d’oliva è un alimento sano, che non causa aumento del rischio cardiovascolare, tuttavia è opportuno usarli in quantità moderate perché particolarmente ricco di calorie.

È anche possibile e consigliabile includere nella dieta la frutta a guscio non salata, ad esempio le noci e le mandorle, purché se ne limiti la quantità, perché molto caloriche.

Alimenti da limitare

Gli alimenti ricchi di grassi saturi e grassi trans fanno aumentare i livelli di colesterolo e possono anche essere eccessivamente ricchi di calorie. I grassi fanno inoltre aumentare il rischio di patologie cardiache, quindi è opportuno limitarli.

I grassi saturi si trovano soprattutto in

  • Tagli grassi di carne, ad esempio il macinato, la salsiccia e gli insaccati (come la mortadella, il prosciutto e i wurstel).
  • Carne bianca con la pelle.
  • Latte e derivati non scremati: latte intero, formaggi, panna, burro e gelati.
  • Strutto, olio di cocco e olio di palma che si trovano in molti alimenti conservati.

È anche importante limitare gli alimenti e le bevande che contengono zuccheri, ad esempio le bibite dolci. Gli zuccheri aggiunti vi daranno solo calorie in più, senza apportare sostanze nutritive come le vitamine e i sali minerali. Gli zuccheri aggiunti si trovano in molti dolci, nella frutta sciroppata, nei succhi di frutta e in moltissimi prodotti industriali (non necessariamente dolci).

Controllate l’elenco degli ingredienti sulle etichette per vedere se ci sono zuccheri aggiunti come lo sciroppo di fruttosio.

Anche le bevande alcoliche contengono molte calorie, quindi è opportuno limitarne l’assunzione.

Porzioni

Per porzione s’intende la quantità di cibo che si mangia durante un pasto o uno spuntino, e non quella misurata e scritta sulle etichette nutrizionali degli alimenti.

Se avete mangiato anche solo una volta fuori casa, probabilmente avete notato quanto possono essere grandi e le porzioni: in realtà sono spesso troppo abbondanti. L’aumento delle dimensioni delle porzioni ha cambiato il concetto di normalità, diminuire le dosi è invece un buon modo per assumere meno calorie ed equilibrare l’energia in ingresso.

Le ricerche hanno dimostrato che tendiamo ad assumere più o meno sempre lo stesso “peso” di cibo, tenendolo a mente è possibile dimagrire mantenendo costante la quantità di cibo assunto, ma scegliendo alimenti poveri di calorie e grassi.