Dolore al braccio dopo il vaccino: ecco le cause e come mitigare questo effetto collaterale

Il dolore al braccio dopo il vaccino anti-Covid quasi tutti lo hanno provato o ne hanno sentito parlare, in attesa di ricevere la prima dose. Non tutti, però, sanno perché accade

Le cause del dolore al braccio

Il dolore intorno alla zona dell’iniezione è untipico effetto collaterale che può riguardare tutti i vaccini e non solo quello contro il Covid-19. 

Niente paura, fa parte dei cosiddetti eventi avversi lievi di un vaccino ed è la risposta normale innescata dall’organismo in seguito all’immissione di sostanze estranee. Si chiama risposta immunitaria adattativa ed è la catena di reazioni attivata dalle nostre cellule con antigene, di fronte alla presenza di una minaccia, che porta alla produzione di specifici anticorpi. Tra queste reazioni attivate dalle Apc c’è la produzione di proteine come le citochine, le chemochine e le prostaglandine. 

Dolore e rash cutaneo

Arrossamenti, febbre e gonfiori, per esempio, altro non sono che la reazione fisiologica di citochine e chemochine, le proteine responsabili dell’avvio del processo infiammatorio e della vasodilatazione. Non tutti però hanno dolore al braccio ma questo non significa affatto che il vaccino non stia funzionando. Dipende, per esempio, dalla diversa sopportazione del dolore o dall’intensità dell’infiammazione che ogni organismo sviluppa ma che non ha a che fare con la qualità della risposta immunitaria, come erroneamente, spesso, si pensa

La tipologia dei vaccini può incidere

Il dolore al braccio dipende anche dal vaccino somministrato. Questo fenomeno, noto come reattogenicità, è legato agli ingredienti utilizzati e spiega perché alcuni vaccini, come quello contro il morbillo e la parotite, possono causarlo.

Chiarisce anche perché, in tema di coronavirus, alcuni vaccini come Pfizer e Moderna causano più casi di questo tipo. Dipende dalla strategia utilizzata da questi vaccini mRNA, che stimola un’intensa reazione immunitaria, essendo l’RNA un potente attivatore. Questa è una delle ragioni per cui questa era una strategia che era stata accantonata, salvo poi modificarla, grazie a recenti progressi che hanno portato ai vaccini di ultima generazione.

Gli esercizi per migliorare il dolore al braccio post vaccino

Fortunatamente, è possibile mitigare facilmente questo effetto collaterale del vaccino Covid-19. In che modo? Con una serie di esercizi mirati. Eccone sei suggeriti da Rachel Volkl, fisioterapista presso il Rush University Medical Center di Chicago.

Shoulder Circle

In posizione eretta, con le braccia lungo i fianchi. Alzare le braccia ed estenderle all’esterno, all’altezza delle spalle, con i palmi delle mani rivolti in avanti. Ruotare lentamente le braccia disegnando piccoli cerchi all’indietro. Fare 10 ripetizioni, quindi ripetere disegnando dei cerchi in avanti.

Shoulder Press

In posizione eretta. Alzare le braccia ed estenderle all’esterno, all’altezza delle spalle, con i palmi delle mani rivolti in avanti. Piegare i gomiti a 90 gradi circa, portando le mani ai lati della testa. Alzare lentamente le braccia verso il soffitto finché i gomiti non sono dritti. Fare una pausa, quindi abbassare lentamente le braccia nella posizione iniziale e ricominciare.

Sideways Overhead Sweep

In posizione eretta. Lasciare che le braccia penzolino lungo i fianchi con i palmi rivolti in avanti. Mantenendo i gomiti dritti, alzare lentamente le braccia verso l’alto, ai lati del corpo, e poi sopra la testa. Fare una pausa, quindi abbassare lentamente le braccia lungo i fianchi e ripetere.

Forward Overhead Sweep

In posizione eretta. Lasciare che le braccia penzolino lungo i fianchi con i palmi rivolti verso il corpo. Mantenendo i gomiti dritti, spostare lentamente le braccia in avanti, davanti al petto, e poi portarle sopra la testa. Fare una pausa, quindi abbassare lentamente le braccia lungo i fianchi. Infine, ricominciare.

Side to Front Reach

In posizione eretta. Alzare le braccia ed estenderle all’esterno, all’altezza delle spalle, con i palmi rivolti verso il basso. Chiudere e portare le braccia in avanti finché i pollici non arrivano quasi a incontrarsi. Fare una pausa, quindi allargare le braccia ai lati del corpo e stringere le scapole, portando gli arti superiori un po’ all’indietro.

Wall Walk

In posizione eretta. Stare a circa un piede di distanza da una parete. Posizionare il palmo della mano contro di essa all’altezza delle spalle, mantenendo il gomito piegato. Fare scorrere lentamente (“facendo camminare”) la mano verso l’alto lungo il muro finché il braccio non è completamente esteso. Fare una piccola pausa, quindi invertire lentamente il movimento per riportare la mano all’altezza delle spalle. Ripetere sull’altro lato.

Un consiglio: se la spalla è molto dolorante, si può posizionare l’altro braccio sotto il gomito per supportarlo.

Quando eseguirli

L’ideale sarebbe iniziare gli esercizi prima di sviluppare il dolore al braccio post-vaccino, al fine di ridurre al minimo questo effetto collaterale. Si potrebbe iniziare a eseguirli già nei 15-30 minuti di osservazione successivi alla somministrazione del farmaco. Poi, l’esperto suggerisce di compiere da 5 a 10 ripetizioni di ogni movimento all’incirca ogni ora (durante le ore diurne) per due-quattro giorni o fino a quando il dolore non si attenua. È possibile eseguirli solo con il braccio che ha ricevuto l’iniezione, ma sarebbe meglio farli con entrambe le braccia per garantire un allenamento simmetrico.