Effetto collaterale vaccino Moderna: lo studio

vaccino-Moderna-effetti-collaterali

Il vaccino anti Covid-19 Moderna può provocare reazioni allergiche localizzate, nello specifico “placche rosa pruriginose, dolorose ed edematose” a distanza di giorni dalla somministrazione. A questa conclusione sono giunti alcuni ricercatori della Università di Yale dopo una serie di casi che hanno spinto gli studiosi ad approfondire il caso.

Le reazioni si manifestano in un intervallo di tempo medio di 7 giorni dopo l’iniezione del vaccino, in corrispondenza o vicino al sito della puntura. La reazione cutanea locale, hanno spiegato i ricercatori, dura in media 5 giorni ma in alcuni casi può arrivare fino a 21, ripresentandosi dopo la seconda dose.

L’Università di Yale ha descritto l’evento cutaneo come “pruriginoso e variabilmente doloroso“, precisando come non siano stati osservati “eventi avversi gravi” in ​​associazione all’effetto collaterale.

Effetto collaterale vaccino Moderna: lo studio

Nello studio, come riporta Il Messaggero, si legge: “I risultati di un campione bioptico cutaneo hanno dimostrato un lieve infiltrato misto prevalentemente perivascolare con linfociti ed eosinofili, coerente con una reazione di ipersensibilità cutanea”. E poi: “Dei partecipanti che hanno avuto una reazione alla prima dose di vaccino (15 su 16 pazienti), la maggior parte (11 pazienti) ha sviluppato una reazione localizzata simile nel sito di iniezione alla seconda dose di vaccino”.

Nello studio si legge ancora: “I risultati clinici e istopatologici di questa serie di casi di studio indicano che le reazioni localizzate nel sito di iniezione al vaccino Moderna Covid-19 siano una reazione di ipersensibilità ritardata. Queste reazioni non comportano gravi effetti avversi del vaccino. Contrariamente alle reazioni di ipersensibilità immediata, queste reazioni ritardate non sono una controindicazione -alla successiva vaccinazione”.