A causare lo scoppio, stando alle prime indagini, potrebbero essere state due bombole del gas. Un morto e due le persone ferite. Tragedia a Reggio Calabria, dove una forte esplosione dovuta dallo scoppio di due bombole gpl in un magazzino ha provocato un tragico bilancio.

Secondo quanto ricostruito, la vittima è un imprenditore, proprietario del magazzino dove si sarebbe verificata l’esplosione.

Il fatto è avvenuto nella mattinata di sabato 26 novembre in un casolare di circa 100 metri quadrati a Pezzolo di Bagnara Calabra, nel Reggino.

Esclusa origine dolosa

L’Ansa riferisce che, secondo quanto emerso dai primi accertamenti, lo scoppio delle bombole sarebbe da collegare a cause accidentali.

Si esclude, dunque, l’origine dolosa. Qualcosa ha creato una sacca di gas che ha innescato lo scoppio.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ed i carabinieri.

Due i feriti

Una delle persone ferite è un suo collaboratore, di professione idraulico, ricoverato presso gli Ospedali riuniti di Reggio Calabria. Uno dei due feriti ha perso un braccio.

Secondo quanto riferito dai Vigili del Fuoco, nel locale era in corso un’attività di “fonderia casalinga”.