Il freekeh è un grano coltivato nella zona sud del Libano, un alimento dalle innumerevoli proprietà nutritive. Ha un sapore lievemente tostato e piacevolmente affumicato e può essere classificato come uno dei sostituti della farina bianca.

Il freekeh ebbe origine intorno al 2.300 a.C. quando gli invasori di un villaggio mediterraneo diedero fuoco ai campi di grano verde prima di ritirarsi. Per salvare ciò che potevano, gli abitanti tolsero lo strato bruciato e scoprirono che il grano, pur mantenendo una tonalità verdognola, era maturato grazie al calore. Questa scoperta portò in futuro ad una grande produzione di freekeh.

Cos’è il freekeh

Il prestigio del freekeh nasce già al momento della raccolta che viene fatta rigorosamente a mano prima della completa maturazione dei chicchi. Il freekeh si raccoglie quindi tra maggio e giugno e dopo la raccolta viene fatto essiccare sulle pietre semplicemente sotto il sole per circa 24 ore. A questo punto viene tostato su rami di piante che permettono una bruciatura rapida. A questo punto i chicchi vengono puliti a mano e sottoposti ad una nuova essiccazione al sole. Questo processo così lento e antico regala al freekeh un sapore tostato e affumicato che ricorda la nocciola.

Proprietà benefiche e nutrizionali

Molto usato nella cucina nord africana, il freekeh viene spesso usato come accompagnamento per carni stufate e verdure. Le sue proprietà benefiche sono innumerevoli. Cominciando dalle calorie, il freekeh ne contiene circa 350 ogni 100 g di prodotto e rispetto al grano come lo conosciamo nella nostra cultura alimentare.

Il freekeh contiene molte più proteine a cui si aggiungono potassio, ferro e calcio. Il freekeh è ricco di fibre e ha un basso indice glicemico per questo è ottimo contro il gonfiore addominale e per chi soffre di diabete.

Come accade per l’olio di oliva, nel freekeh è presente un’alta quantità di acido linoleico che contribuisce al mantenimento dei normali livelli di colesterolo nel sangue, caratteristica che lo rende un naturale e prezioso alleato del cuore.

I benefici più noti di questo super alimento:

  • riduce il rischio di malattie intestinali: studi scientifici hanno dimostrato che, grazie al suo alto valore di fibre, aiuta a ridurre il rischio di sviluppare malattie a carico dell’intestino;
  • aiuta a perdere peso all’interno di una dieta equilibrata: le proteine e le fibre di cui è ricco forniscono una sensazione di sazietà che aiuta a mantenere il controllo della fame e quindi del peso;
  • protegge la salute degli occhi: oltre a tutte le proprietà già menzionate, questo grano contiene anche molta zeaxantina e luteina, che sono due antiossidanti molto importanti per la prevenzione della degenerazione maculare dovuta all’invecchiamento;
  • ideale anche per chi soffre di diabete: grazie al suo ridotto indice glicemico (43 per la varietà integrale), è un alimento perfetto per tutti, ma in particolare molto indicato per chi soffre di questa patologia.

Valori nutrizionali

Ecco tutti i valori nutrizionali di questo superfood che dovreste conoscere.

100 g di freekeh contengono:

  • 390 kcal
  • 71 g di carboidrati
  • 2 g di grassi
  • 14,9 g di proteine
  • 14 g di fibre
  • 32 mg di zinco
  • 33 mg di ferro
  • 3,5 mg di rame
  • 3,9 mg di potassio
  • 371 mg di calcio
  • 110 mg di magnesio

Come usarlo in cucina e ricette

Il freekeh è un ottimo sostituto di riso o di cous cous ed è perfetto per accompagnare carne stufata, intingoli e verdure. Il freekeh è ottimo anche per preparare insalate e piatti unici freschi e leggeri. Ecco una ricetta da provare.

Ingredienti: 280 g di freekeh, 100 g di rucola, 10 pomodorini, 2 fettine di petto di pollo, 80 g di feta, succo di limone, olio extravergine di oliva, sale e pepe.

Preparazione: cuocete il freekeh in acqua bollente salata per 20 minuti, poi scolatelo e conditelo con un filo d’olio. Cuocete il petto di pollo alla griglia e tagliatelo poi a straccetti. Unite il pollo al freekeh e aggiungete tutti gli altri ingredienti. Condite con olio, sale e pepe e servite.