Arrossamenti, gonfiori e dolori alle gengive sono tutti indicatori di un problema che non va trascurato. Tuttavia, non bisogna allarmarsi: per alleviare i fastidi, basta eseguire piccoli trattamenti semplici, efficaci e totalmente naturali. Per le gengive infiammate, infatti, una soluzione di acqua e bicarbonato o acqua e sale può rivelarsi la miglior alleata.

Gengive infiammate le cause

Quali possono essere le cause delle gengive infiammate? Nella maggior parte dei casi, l’origine del problema è di natura batterica, ma può essere determinato anche da azioni meccaniche, come lo spazzolare in maniera troppo energica o ricevere colpi dall’esterno.

A queste due principali cause, bisogna aggiungere altri fattori di rischio da tenere in considerazione: il fumo, il diabete, la gravidanza o la pubertà, lo stress, alcuni specifici farmaci che possono aumentare il volume delle gengive o un intervento dentistico non andato a buon fine.

I rimedi naturali per le gengive infiammate

Il primo consiglio da seguire per eliminare il problema è sicuramente l’attenzione per la propria igiene orale, con spazzolino, dentifricio ed una tecnica di spazzolamento non aggressiva. Il secondo suggerimento è quello ricorrere a rimedi naturali, semplici da preparare e che, all’occorrenza, possiamo già trovare in casa. Si può anzitutto partire dalla propria dieta: vanno infatti consumate frutta e verdure fresche e alimenti ricchi di fermenti lattici o probiotici (come lo yogurt).

Per quanto riguarda i trattamenti, i rimedi naturali più efficaci sono: gli sciacqui di acqua e sale o acqua e bicarbonato che possono rivelarsi un vero toccasana per le gengive infiammate; la curcuma che grazie alle sue proprietà simili alla clorexidina, può prevenire la formazione della placca; gli infusi di malva o camomilla che, per merito della loro azione lenitiva, possono placare i fastidi, ed infine il succo di limone, che può essere utilizzato per gli sciacqui al cavo orale. Attenzione a quest’ultimo metodo però: può essere un po’ più doloroso!

Acqua e bicarbonato per le gengive gonfie

Tra tutti i rimedi consigliati, quello della soluzione di acqua e bicarbonato per le gengive gonfie merita una speciale menzione per via del suo elevato potere antibatterico che agisce direttamente sulla causa del problema.

Il bicarbonato, infatti, è un antisettico naturale che serve a riequilibrare l’acidità del cavo orale, alterata dall’infezione. Si consiglia di utilizzare il bicarbonato accompagnato da acqua calda per meglio sfruttare la sua azione alcalinizzante.

Come eseguire gli sciacqui con acqua e bicarbonato

Eseguire gli sciacqui di acqua e bicarbonato è semplicissimo: basta miscelare un quarto di cucchiaino di bicarbonato con poca acqua calda fino ad ottenere una pasta. Il composto va poi applicato sulle gengive infiammate e risciacquato con acqua tiepida dopo averlo lasciato agire un paio di minuti. Per ottenere risultati migliori, il trattamento va eseguito almeno due volte a settimana.

Ma esistono anche altri rimedi naturali per gengive infiammate che possono aiutarti. Vediamo quali!

Aloe vera

Si tratta di una pianta nota da tempo per le sue proprietà antinfiammatorie e curative. Esistono dei dentifrici contenenti aloe vera che potresti provare ad utilizzare sulle tue gengive infiammate.

Potresti anche usare un gel di aloe vera ed effettuare un massaggio sulle gengive. Il massaggio gengivale stimola anche in maniera positiva i tessuti, migliorando la circolazione e l’ossigenazione.

Il gel però, per svolgere al meglio la sua funzione, deve essere il più puro possibile (quindi quanto più simile a quello ottenuto direttamente dalla pianta). Una volta applicato, lascialo agire per 30 minuti prima di sciacquare.

Malva

In caso di gengive gonfie e infiammate, l’infuso di malva è uno dei “rimedi della nonna” più utilizzati. Per prepararlo ti serviranno 2-3 cucchiaini di malva essiccata e tritata e una tazza di acqua bollente. Dopo aver filtrato e lasciato raffreddare l’infuso, utilizzalo per fare degli sciacqui durante la giornata.

Oil pulling

La tecnica dell’oil pulling, di tradizione ayurvedica, consiste nel versare in bocca un cucchiaio di olio di sesamo o cocco, facendolo passare accuratamente tra denti, gengive e sulla lingua.

In tal modo, tutte le tossine e i batteri possono essere “raccolti” dall’olio depurando così non solo la bocca ma anche l’intero organismo.

L’olio di cocco, associato al bicarbonato di sodio, può anche essere utilizzato per creare una sorta di dentifricio naturale con cui potrai spazzolarti i denti un paio di volte a settimana.

Acqua e sale

Grazie ai minerali che contiene, il sale permette di ridurre l’infiammazione e il dolore, oltre a prevenire le infezioni. Mescola un pizzico di sale in una tazza di acqua calda e utilizza la soluzione per effettuare degli sciacqui.

Mirra

La tintura di mirra, acquistabile in erboristeria, è un rimedio specifico per gengivite e piorrea.

Basta versarne qualche goccia in acqua tiepida e fare degli sciacqui, come se fosse un collutorio. Alla tintura di mirra potrai abbinare anche quella di echinacea per un risultato ottimale!

Limone

Il succo di limone combatte molto efficacemente l’infiammazione gengivale. Puoi sciacquare il cavo orale con il succo di limone puro oppure aggiungendolo a dell’acqua.

Questo metodo può risultare un po’ doloroso, soprattutto in caso di forte infiammazione. Però sicuramente i risultati non tarderanno ad arrivare!

Curcuma

Spezia ormai molto utilizzata in ambito culinario, la curcuma è nota soprattutto per le sue proprietà antifiammatorie. Proprio per questo può essere adoperata anche in caso di gengivite.

Usa un pizzico di curcuma in un pochino d’acqua per creare una specie di pastella da applicare sulle gengive e lasciala agire per 5 minuti prima di risciacquare con acqua tiepida.

Camomilla

Come ultimo rimedio, ti suggeriamo la camomilla che può essere un alleato semplice ma efficace per contrastare l’infiammazione gengivale. L’infuso di camomilla, preparato anche grazie alle pratiche bustine, può essere utilizzato per effettuare degli sciacqui un paio di volte al giorno fino al miglioramento dei sintomi.

Nel caso in cui al gonfiore o arrossamento si aggiungesse anche il sanguinamento gengivale, è sempre consigliabile consultare un medico.