Il nome scientifico del rosmarino è Rosmarinus officinalis e questa meravigliosa pianta ha una storia leggendaria di utilizzo sia per scopi aromatici che culinari.

Non tutti lo sanno ma i fiori di rosmarino sono commestibili. I fiori di rosmarino sono commestibili come le foglie. Puoi usare questi fiori aromatici nelle ricette, su prodotti da forno, infusi nell’olio d’oliva e persino infusi nelle tisane.

Scopriamone insieme tutti gli utilizzi.

Questi fiori sono un ingrediente delizioso da aggiungere a tisane o insalate; prima di consumarli, però, abbiate cura di rimuovere il peduncolo. Come noto, la pianta del rosmarino vanta diverse virtù, estese anche ai fiori: innanzitutto, ha proprietà antisettiche, antimicrobiche, antiossidanti e antinfiammatorie.

I fiori, poi, migliorano digestione, salute intestinale e circolazione sanguigna, alleviano mal di testa, dolori muscolari e articolari, aiutano a combattere la forfora e stimolano la concentrazione.

Tuttavia, prestate attenzione alle dosi ingerite: il rosmarino può causare mal di stomaco, irritazione intestinale e vomito. In cucina, utilizzate questi fiori a prova di salute per preparare i piatti più creativi.

Sappiate, però, che non resistono al calore, per cui usateli solo per condire e guarnire o per preparare un’acqua aromatizzata rinfrescante e dissetante. Si prestano anche magnificamente sulla carne grigliata o frullati assieme al burro, da spalmare sul pane grigliato. Ma non solo ‘a tavola’ come pietanza o condimento: aggiungete i fiori di rosmarino al pot-pourri, per una casa fresca e profumata, o ad un bouquet.