Il guaranà è una pianta originaria dell’Amazzonia, coltivata, trasformata e consumata dai popoli indigeni già molto prima dell’arrivo dei conquistatori europei.

Le proprietà del guaranà

La presenza di caffeina dona al guaranà spiccate proprietà stimolanti e tonificanti. Gli effetti più comuni associati all’uso di guaranà coinvolgono:

  • il sistema nervoso (leggera eccitazione, maggiore capacità di attenzione e concentrazione mentale, ridotta percezione della fatica)
  • il sistema cardiovascolare (il guaranà provoca un aumento della frequenza cardiaca)
  • il sistema digestivo (aumenta la secrezione gastrica, è un antidiarroico ed esercita un leggero effetto diuretico)
  • il metabolismo corporeo (facilità l’ossidazione dei substrati energetici ed il suo utilizzo viene consigliato nelle cure dimagranti)

Il guaranà aiuta a perdere peso

La pianta di guaranà è da tempo conosciuta per essere una fonte ricca di caffeina e importanti molecole bioattive come i tannini e le catechine. Diversi esperimenti hanno dimostrato in passato che il guaranà, oltre ad avere una notevole capacità anti-ossidante, può essere un buon anti-microbico. Non solo, l’estratto sembrerebbe capace di far perdere peso aumentando il metabolismo basale, ovvero quel parametro che indica la quantità di energia che il nostro corpo deve consumare quando si trova a riposo.

Guaranà nella medicina popolare e in omeopatia

Le proprietà stimolanti del guaranà sono conosciute dalla medicina popolare da molto tempo. Infatti, già le antiche popolazioni amazzoniche utilizzavano questa pianta in campo medico come stimolante e come blando antipiretico; oltre che come rimedio per attenuare la sensazione sia di fame che di sete.

Ancora oggi, nella medicina popolare, il guaranà viene utilizzato per il trattamento di stanchezza, febbre e mal di testa.

Inoltre, trova impiego anche come rimedio per favorire la diuresi. Il guaranà viene sfruttato anche dalla medicina omeopatica, dove lo si può trovare sotto forma di granuli e gocce orali. In quest’ambito, la pianta viene utilizzata in caso di emicrania (in particolare quella causata da abuso di caffè, tè e alcolico) e in caso di eccitazione, agitazione, nervosismo e depressione.

La quantità di rimedio omeopatico da assumere può essere diversa da individuo a individuo, anche in funzione del tipo di disturbo che si deve trattare e della tipologia di preparazione e di diluizione omeopatica che si vuole utilizzare.

Infine, la bevanda a base di guaranà migliora le performance sportive. L’apporto di minerali ottenuto dall’assunzione di prodotti a base della pianta officinale dona una maggiore resistenza fisica e allevia la sensazione di stanchezza e affaticamento. Infatti, il 70% della produzione è finalizzato all’industria degli energy drink.