I benzinai scioperano il 25 e 26 gennaio. Faib, Fegica e Figisc/Anisa hanno indetto uno sciopero nazionale di tutti i gestori di distributori di benzina, sia sulle autostrade che sulla viabilità ordinaria.

Una nota delle associazioni di categoria che condanna “l’improvvisa eliminazione di una riduzione delle accise che ha causato l’aumento dei prezzi dei carburanti”.

La durata dello sciopero è prevista dalle 19.00 del 24 gennaio 2023 alle 7.00 del 27 gennaio 2023.

Il governo aumenta i prezzi del carburante e scarica la responsabilità sui gestori delle stazioni di servizio, che diventano bersaglio della rabbia dei clienti.

Nella loro comunicazione alla Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali, queste organizzazioni fanno riferimento ad “azioni politiche irresponsabili che hanno una gravità senza precedenti contro gli operatori economici onesti”,che basano la loro attività su un margine fisso di 3 centesimi al litro e garantiscono allo Stato circa 40 miliardi di dollari di entrate”.