il bonus sociale energia elettrica e gas, già adottato per il secondo trimestre 2022, è esteso al terzo trimestre 2022 e sarà attuato dall’Arera, l’autorità di regolazione per energia, reti e ambiente.

Inoltre, l’agevolazione diventa retroattiva al primo trimestre 2022 per chi non ha fatto in tempo a presentare l’Isee (l’indicatore della situazione economica equivalente).

Gli eventuali pagamenti di somme eccedenti saranno automaticamente compensati in bolletta una volta presentata l’attestazione Isee. In altre parole, se l’Isee viene presentato dopo il pagamento, lo sconto arriva nella bolletta successiva. Se la compensazione automatica non è possibile, viene effettuato il rimborso.

Chi può avere il bonus sociale sulle bollette?

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali elettrico, gas e acqua per disagio economico sono riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto. Per attivare il procedimento di riconoscimento automatico dei bonus sociali, è necessario e sufficiente presentare la Dsu (dichiarazione sostitutiva unica) ogni anno e ottenere un’attestazione di Isee entro la soglia di accesso ai bonus, oppure risultare titolari di reddito o pensione di cittadinanza. 

Il governo Draghi era già intervenuto sul bonus sociale nelle scorse settimane: dal 1° aprile e fino al 31 dicembre 2022, il tetto Isee per poter chiedere l’agevolazione è stato innalzato da 8.265 euro a 12mila euro.

La platea di beneficiari è stata così ampliata da 4 milioni a circa 5,2 milioni di italiani. Alle persone con Isee fino a 12mila euro vanno aggiunti anche i nuclei familiari numerosi con almeno 4 figli a carico e con Isee entro i 20mila euro annui, e gli utenti con patologie gravi e certificate che necessitano di apparecchi elettrici di tipo medico. Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia – elettrico, gas, idrico – per anno di competenza della Dsu (per il cosiddetto “vincolo di unicità”).

Il bonus sociale viene riconosciuto automaticamente ai percettori del reddito o della pensione di cittadinanza e a chi ha già presentato una dichiarazione sostitutiva unica per l’accesso a prestazioni sociali agevolate, risultando in condizione di disagio economico. Per presentare la Dsu e ottenere un’attestazione Isee bisogna accedere al portale MyInps e utilizzare il servizio per l’Isee precompilato. In alternativa si può chiedere il supporto degli uffici Caf.

L’Inps, poi, seleziona le famiglie che hanno accesso all’agevolazione e trasmette i dati all’acquirente unico che collabora con Arera e che comunica – attraverso il sistema informativo integrato – le informazioni agli enti che si occupano di erogare l’energia elettrica e il gas. A questi utenti viene poi riconosciuto uno sconto direttamente in bolletta.

L’importo dello sconto, però, non è fisso. Arera aggiorna periodicamente le tabelle sulla base delle quali quantificare gli aiuti a ogni beneficiario. Tra i criteri per calcolare l’importo del bonus per il gas rientrano anche le zone climatiche di residenza che vanno dalla A alla F e sono divise tra quelle più calde e quelle più fredde.