La restrizione calorica è per gli obesi una strategia consolidata per dimagrire. Ma secondo molti studi la perdita di peso dopo un anno di dieta ipocalorica è modesta ed è molto difficile mantenere nel tempo il peso raggiunto. Sul The New England Journal of Medicine sono stati pubblicati i risultati di un trial randomizzato.

Nello studio, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 139 adulti (età media 32) che erano in sovrappeso o obesi ad alcuni con una dieta standard e altri limitati nel tempo per consumare i pasti. Tutti i partecipanti hanno ricevuto diete ipocaloriche (circa il 25% in meno rispetto all’assunzione iniziale registrata nella ricerca).

Per i test, al gruppo a tempo limitato è stato chiesto di mangiare solo tra le 8:00 e le 16:00. Nel frattempo, il gruppo a cui era stata assegnata la dieta standard è stato informato di non avere limiti di tempo per l’assunzione.

Al basale, il peso medio della popolazione campione era di 88 kg e l’indice di massa corporea medio era di 32 kg/m2. Come parte del programma di ricerca, gli scienziati hanno fornito sostanziali consigli dietetici ed educazione al consumo alimentare per i membri di entrambi i gruppi partecipanti. Per documentare il follow-up, gli scienziati hanno chiesto ai partecipanti allo studio di tenere diari scritti delle loro assunzioni e fotografare tutto il cibo che hanno mangiato.

I risultati ottenuti dagli specialisti dopo aver superato i 12 mesi di diete assegnate ai due gruppi di lavoro, la perdita di peso media non era significativamente diversa tra lo standard e quello limitato nel tempo (8,0 kg contro 6,3 kg). Inoltre, non sono state osservate differenze significative tra i gruppi nel grasso corporeo, nella massa magra, nella pressione sanguigna, nel profilo lipidico o nel metabolismo dell’insulina.

“La restrizione dell’apporto calorico ha spiegato la maggior parte degli effetti benefici di una dieta a tempo limitato”, ha affermato Huijie Zhang, uno degli autori e ricercatori dello studio presso la Southern Medical University di Guangzhou. In sintesi, possiamo confermare che la variabile che determina la perdita di peso e le altre variabili che la influenzano dipendono dalla riduzione dell’apporto calorico, indipendentemente dal tempo in cui l’assunzione di cibi e bevande viene distribuita nel tempo durante la giornata.