Joseph Ratzinger, Papa emerito, è morto il 31 dicembre 2022 all’età di 95 anni. A dare l’annuncio del decesso di quello che è stato il 265esimo Papa della Chiesa Cattolica è stato il Vaticano. Malato da tempo, le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni, con Papa Francesco che aveva invitato a pregare per lui.

“Con dolore informo che il Papa Emerito, Benedetto XVI, è deceduto oggi alle ore 9:34, nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano”. Lo ha affermato il direttore della sala stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.

Dalla mattina di lunedì 2 gennaio 2023, il corpo del Papa Emerito Benedetto XVI sarà nella Basilica di San Pietro in Vaticano per il saluto dei fedeli.

Rinuncia al ministero e la malattia

Eletto Papa il 19 aprile 2005, Joseph Ratzinger è stato il più longevo dei papi della Chiesa. Ma passerà alla storia per essere stato l’ottavo pontefice a rinunciare al ministero petrino, se si considerano i casi di Clemente I, Ponziano, Silverio, Benedetto IX, Gregorio VI, Celestino V e Gregorio XI.

L’11 febbraio 2013, parlando in latino davanti ai cardinali durante il Concistoro ordinario in Vaticano per la canonizzazione dei circa 800 martiri di Otranto e di due monache spagnole, Ratzinger infatti annunciò a sorpresa il suo ritiro dal pontificato: “Ben consapevole della gravità di questo mio atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, successore di San Pietro, a me affidato per mano dei cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20.00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice”.

Alla base della decisione del passo indietro c’erano le avverse condizioni di salute: “Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino”.