Un vero disturbo psichico, spesso sottovalutato e incompreso: ecco cos’è il disturbo da ansia di malattia o più comunemente ipocondria. Spesso considerato un’invenzione o una fissazione di chi afferma di soffrirne, in realtà è un disagio che ha delle ricadute importanti sulla vita psichica e relazionale. Comprensibilmente, gli ipocondriaci vivono con maggior sofferenza e disagio la pandemia da Covid 19 in corso e hanno bisogno di un maggior supporto psicologico.

Il termine “ipocondria” deriva dal greco e significa “sotto la cartilagine del torace”, in riferimento ad un malessere noto già in epoca antica e che si riteneva localizzato nella fascia addominale; solo successivamente si comprese che le cause erano da ricercarsi, invece, nella psiche. L’ipocondria, infatti, è una malattia psichica che spinge le persone a dubitare continuamente della propria salute.

Ipocondria: sintomi

Il disturbo da ansia di malattia, nel DSM-V (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) è stato classificato nella categoria nosografica dei disturbi da sintomi somatici e dei suoi correlati. La diagnosi del disturbo da ansia di malattia richiede la presenza dei seguenti sintomi:

  • Preoccupazione persistente di avere o poter contrarre una grave malattia;
  • I sintomi somatici non sono presenti o, se presenti, sono di lieve intensità. Se è presente un’altra condizione medica o vi è rischio elevato di svilupparla, la preoccupazione è eccessiva o sproporzionata;
  • È presente un elevato livello di ansia riguardante la salute e l’individuo si allarma facilmente riguardo il proprio stato di salute;
  • L’individuo attua eccessivi comportamenti correlati alla salute (per esempio, controlla ripetutamente il proprio corpo cercando segni di malattia e si sottopone a numerose visite) o presenta al contrario un evitamento disadattivo (evita visite mediche e ospedali per timore di diagnosi infauste);
  • La preoccupazione per la malattia deve essere presente da almeno 6 mesi, ma la specifica patologia temuta può cambiare nel corso di questo arco temporale;
  • La preoccupazione riguardante la malattia non è meglio spiegata dalla compresenza di un altro disturbo mentale.

I criteri diagnostici delineati nel DSM-V mettono in evidenza come il disagio non provenga dal sintomo in sé quanto dall’ansia che ne deriva, nonché dal senso e dal significato che si attribuisce al sintomo. Come già sottolineato, il disturbo da ansia di malattia è molto invalidante per il soggetto che ne soffre, poiché genera alti livelli d’ansia, stati depressivi gravi che possono compromettere il funzionamento normale della persona a più livelli: familiare, relazionale, sociale, emotivo, lavorativo.

Ipocondria: cause

Le cause all’origine di questo disturbo possono essere diverse:

  • Esperienze di vita caratterizzate da malattie gravi vissute nell’infanzia o esperienze pregresse di malattie vissute nel contesto familiare, sono spesso l’innesco di sintomi ipocondriaci;
  • Alla base del disturbo ipocondriaco può esserci un’immagine di sé caratterizzata dalla convinzione di essere una persona fragile, debole, vulnerabile, con ridotte difese immunitarie;
  • L’ipocondria è spesso associata al “timore della morte”, una paura arcaica, sulla quale si cerca di esercitare un controllo sottoponendosi a continui esami per allontanare le paure che riguardano la propria vulnerabilità.

Ipocondria, pregiudizi

Il disturbo da ansia di malattia viene spesso sottovalutato e le sue gravi implicazioni minimizzate. L’ipocondriaco cade spesso nel cliché e nell’etichetta del “malato immaginario”. Il pregiudizio rappresenta, in questi termini, un grande pericolo, poiché trascura il dato reale, la presenza di un disagio che pervade costantemente la persona. Essere identificati come malati immaginari produce ancora più sofferenza nelle persone che soffrono di questo disturbo, che tendono così all’evitamento e all’isolamento per difendersi dal giudizio esterno

Ipocondria: consigli pratici

Le cose da non fare
Parlarne con tuttiLa ricerca di sostegno, diagnosi o aneddoti tranquillizzanti peggiora il disturbo.
Trascurare la problematica psicologicaTrascurare la problematica psicologica alla base del problema e insistere sugli aspetti medici: altra mossa errata da non commettere.
Non spettacolarizzare il disturboSe sei in ansia per i sintomi e vuoi fare visite ed esami, falli, ma senza coinvolgere molte persone.
Non sganciarti dal mondoL’ipocondria, pur nella drammaticità del vissuto, è una forma di egocentrismo. Consiste in un mettersi al centro dell’attenzione propria e altrui. Non lasciare che le tue angosce ti sgancino dalla realtà e cancellino il tuo interesse per gli altri.
Non farti prendere in giroAl tempo stesso, non farti banalizzare da chi dice che hai solo le paturnie; si tratta di un disturbo serio che merita rispetto.
Le cose da fare
Cerca l’obiettivitàQuante volte i tuoi timori relativi ai sintomi percepiti si sono rivelati infondati ed inutili? Sicuramente molte, ed è importante ricordarlo. Non stai curando il corpo con dei farmaci, ma la psiche con delle diagnosi.
Trova un nuovo centroSe soffri di ipocondria, osserva bene la tua vita e vedrai che va rimessa a fuoco: troppe cose che non ti appartengono o non ti interessano, nessuna vera passione in atto. Individua o ritrova un ambito della vita che ti piace e ti “rapisce” e mettilo al centro. A volte servono svolte radicali, ma non puoi pensare di guarire senza un po’ di coraggio.
Rispetta di più lo “spazio vitale” degli altriL’ipocondria mette alla corda anche chi ti vive accanto: le tue paure continue agitano, destabilizzano, annoiano. Trova momenti precisi in cui incanalare le tue ansie (ad esempio la psicoterapia), evitando di pesare quotidianamente su chi, in ogni caso, non sei disposto ad ascoltare.
Scegli un medico, UNO!Evita di sostituirti ai dottori facendo tu diagnosi tramite Internet ed enciclopedia medica. Eleggi un medico di riferimento e impegnati seriamente a fidarti di ciò che dice. Ciò non significa tempestarlo di telefonate ma dare importanza alle sue parole. Questo tuo impegno, perseguito nel tempo, si trasformerà in un maggior senso di sicurezza.