Ipocondria, da dove arriva e gli errori da non fare

406

Avete sempre paura di ammalarvi? Ad ogni sintomo (vero o presunto che sia) immaginate d’aver contratto una patologia mortale? Nessun dubbio, siete affetti da ipocondria.

Il termine “ipocondria” deriva dal greco e significa “sotto la cartilagine del torace”, in riferimento ad un malessere noto già in epoca antica e che si riteneva localizzato nella fascia addominale; solo successivamente si comprese che le cause erano da ricercarsi, invece, nella psiche. L’ipocondria, infatti, è una malattia psichica che spinge le persone a dubitare continuamente della propria salute.

Secondo la Scuola di specializzazione in Psicoterapia Cognitiva, un paziente è definito ipocondriaco quando continua a male interpretare alcune sensazioni corporee, nonostante abbia ricevuto rassicurazioni mediche pertinenti, valide e ben fondate, e nonostante abbia le capacità intellettive per comprendere le informazioni ricevute. Non esistono regole certe, pare però che questa condizione si sviluppi nella prima infanzia, quando il bambino assorbe i comportamenti dell’adulto di riferimento interpretandoli in modo dannoso per la propria psiche.

Spesso, la figura d’attaccamento rispecchia in modo sistemato un’immagine di debolezza, anche con atteggiamenti iperprotettivi. Ma, a detta della psicologia moderna, proteggere ai limiti dell’ossessivo il bambino può far nascere in lui la sensazione d’essere costantemente in pericolo, ed è probabile che anche da adulto continuerà a sentirsi così. L’ipocondria, va detto, purtroppo è una spirale da cui il più delle volte non si riesce ad uscire da soli. Motivo per il quale è consigliabile rivolgersi ad uno specialista.

I sintomi dell’ipocondria sono reali o immaginari?

Essere ipocondriaci non significa essere malati immaginari, o almeno non sempre. I sintomi percepiti sono reali ma perlopiù innocui. Appena sentono un sintomo fisico, le persone ipocondriache tendono, infatti, ad autodiagnosticarsi una grave malattia, che le porta a vivere nella costante paura di essere affetti da un male incurabile.

Allo stesso tempo ciò non esclude il rischio di sviluppare reali problematiche di salute. L’ansia costante e lo stato di apprensione permanente causato proprio dalla paura di ammalarsi, infatti, potrebbe predisporre al rischio reale di patologie e all’insorgenza di sintomi psicosomatici legati allo stress emotivo. In alcuni casi, in cui è presente una patologia, può essere naturale entrare in ansia o essere preoccupati per la propria salute. Ma se l’ansia e l’agitazione sono sproporzionate ed eccessive e se durano per molto tempo, si può trattare di disturbo ipocondriaco che come tale richiede un trattamento psicoterapeutico. Non tutte le psicoterapie sono uguali, per questo è importante scegliere il metodo giusto.