Hanno provato ad abusare di una ragazzina di 14 anni, bloccandola alle spalle mentre stava percorrendo una scalinata. Ma ad un certo punto il cellulare della giovane ha iniziato a squillare e i due, di 19 e 14 anni, si sono distratti e lei è riuscita a scappare raggiungendo delle amiche che la stavano aspettando alla fermata del bus. L’episodio è accaduto lo scorso 20 settembre a Ischia.  Dopo alcuni giorni, la vittima ha trovato il coraggio di riferire l’accaduto alla madre e ai carabinieri della stazione di Barano d’Ischia, dando il via alle indagini che hanno portato al fermo dei due ragazzi.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli hanno permesso di ricostruire nel dettaglio la dinamica dei fatti. Nella serata del 30 settembre, al termine di tempestivi accertamenti, i due indiziati sono stati rintracciati e riconosciuti con certezza dalla minore e dalle sue amiche. Il maggiorenne è stato quindi condotto a Poggioreale, mentre il minorenne al Centro Giustizia Minorile di Napoli Colli Aminei. Entrambi sono in attesa dell’udienza di convalida del fermo.