Issopo, l’olio che apre i polmoni: Proprietà e benefici

178

L’Issopo, Hyssopus officinalis, è una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia Occidentale, cresce spontaneamente nelle zone montane, anche in Italia.

La pianta sprigiona un’aroma molto intenso e amaro che ricorda la menta. Sulle sue piccole foglie odorose di color verde brillante spiccano i fiori blu violacei riuniti in spighe unilaterali, da cui probabilmente prende origine il nome issopo, che in greco significa “a forma di freccia”.

L’Hyssopus officinalis è il nome latino dell’issopo ed il suo nome deriva dall’ebraico “Esobh” che significa erba sacra, infatti, re Salomone impiegava questa pianta officinale insieme al legno di cedro per aspergersi, purificarsi e prevenire la lebbra. L’issopo cresce spontaneamente soprattutto nelle zone montane dell’Italia del nord fino ai 1200 metri di altitudine ma è originaria dell’Europa del sud e dell’Asia occidentale.

Propietà e caratteristiche

L’issopo contiene olio essenziale, tannino, colina, glucosidi, flavonoidi. Le propietà e caratteristiche di questa pianta con fiori blu violacei uniti in spighe sono molteplici. Già nel diciassettesimo secolo, gli erboristi prescrivevano l’issopo per trattare asma, bronchiti, contusioni, tosse e per problemi digestivi.

Issopo, l’olio che apre i polmoni


L’issopo è noto fin dall’antichità per le sue virtù espettoranti, dovute alla presenza della marrubina, un ottimo fluidificante che assieme alle qualità antinfiammatorie, battericida e antispasmodiche lo rende il rimedio ideale per tutte le affezioni dell’apparato respiratorio. La sua azione mucolitica, antisettica e detossinante è particolarmente efficace nelle patologie broncopolmonari, perché dissolve le pellicole umide e stimola l’eliminazione delle particelle inquinanti di fumo e polveri sottili.

Ottimo anche per le inalazioni
Il catarro non se ne va? Sciogli 4-5 gocce di issopo in una bacinella di acqua bollente e inala i vapori a bocca aperta.

Utilizzalo in questo modo
Alla sera, prima di coricarti, amalgama 7 gocce di olio essenziale di issopo in due cucchiai di olio di mandorle dolci e massaggia la miscela sul petto e sulla parte alta della schiena con leggeri movimenti circolari, fino al completo assorbimento dell’olio. Nei casi acuti ripeti l’operazione anche 2-3 volte al giorno.

Come assumere l’issopo

Infuso contro gli attacchi d’asma (ma può essere utilizzato anche in caso di bronchite, per calmare la tosse e per sciogliere le occlusioni alle vie respiratorie): in un litro di acqua bollente porre in infusione 30 grammi di sommità fiorite essiccate di issopo. Lasciar riposare 10 minuti, filtrare e addolcire con del miele.

Sciroppo contro la tosse: in una pentola portare ad ebollizione un litro d’acqua e porvi 100g di issopo, lasciando in infusione per 10 minuti; quindi filtrare bene e aggiungere 1,5kg di zucchero, che andrà fatto sciogliere completamente. Riporre l’infuso nella pentola e cuocere a fuoco moderato, mescolando frequentemente, fino ad ottenere una consistenza sciropposa. Lo sciroppo ottenuto andrà imbottigliato, ben chiuso, e conservato per essere usato all’occorrenza.

Impacco per lenire una contusione o per disinfettare una ferita: preparare un infuso mettendo 100g di sommità fiorite essiccate di issopo in un litro di acqua bollente per 15 minuti. Bagnare delle pezze sterili e appoggiarle delicatamente sulla parte affetta.

Infuso di issopo per le purificazioni di primavera: preparare un infuso ponendo in un litro di acqua bollente 20g di issopo e lasciando in infusione per 15 minuti. Bere due tazze di infuso al giorno, senza addolcirlo, per 15 giorni.

Infuso per detergere e tonificare il viso: lasciar riposare 50g di sommità fiorite di issopo in un litro di acqua bollente, quindi imbevere un dischetto di cotone e usarlo per pulire delicatamente la pelle.

Bagno rilassante e tonificante: porre una manciata abbondante di sommità fiorite di issopo all’interno di un sacchettino di garza o di tela a trama molto sottile, quindi riempire la vasca con l’acqua calda e immergervi il sacchettino, lasciandolo per tutta la durata del bagno.

Controindicazioni

Non sono note controindicazioni per l’utilizzo dell’Issopo se non in caso d’ipersensibilità accertata verso uno o più componenti. Consultare in ogni caso il medico di fiducia prima dell’assunzione, evitare in gravidanza, durante l’allattamento e non somministrare nei bambini di età inferiore ai 4 anni. L’olio essenziale può risultare epilettogeno ad alte dosi per la presenza di chetoni.