La frangola o frangula, il cui nome scientifico è Rhamnus frangula, è un arbusto alto da due a cinque metri che cresce nelle aree boscose e umide di Europa e Nord Africa, Medio oriente e Asia.

La frangola possiede proprietà lassative, conferitele dai glucosidi antrachinonici in essa contenuti. L’azione lassativa esercitata dai derivati antracenici di cui sopra è di tipo irritativo. Più nel dettaglio, tali molecole agiscono stimolando la peristalsi intestinale e ostacolando, di conseguenza, l’assorbimento di acqua e sali a livello del colon.

Date le sue proprietà, la frangola viene quindi utilizzata come rimedio contro costipazione o stitichezza.

La corteccia della frangula è reperibile in taglio tisana o all’interno di miscele pronte all’uso contenenti anche altre erbe che possono coadiuvare l’azione della stessa frangola, oppure possono possedere diverse proprietà in funzione dell’effetto che si vorrebbe la tisana esercitasse.

Gli estratti di corteccia di frangola, inoltre, possono rientrare nella composizione di integratori aliemntari (generalmente in associazione ad altri estratti di erbe con azione simile) ideati per favorire il transito intestinale.

Tuttavia, prima di assumere qualsivoglia prodotto a base di frangola, è assolutamente indispensabile chiedere consiglio al proprio medico allo scopo di individuare la presenza di eventuali condizioni o situazioni nell’ambito delle quali l’uso della frangola o dei suoi estratti non deve essere fatto.

Il ricorso al consiglio del medico dovrebbe a maggior ragione essere effettuato alla luce dell’aggiornamento del regolamento europeo per quel che riguarda il contenuto di derivati antracenici all’interno di alimenti e integratori.

La frangola è particolarmente indicata per la stitichezza occasionale, soprattutto di origine nervosa, ma non va utilizzata per più di 8-10 giorni e mai in maniera continuativa.

Frangola ha un’azione lassativa e non irrita le mucose

Il principio attivo della frangola, l’antrachinone, ha un effetto lassativo efficace, ma non irritante per le pareti e le mucose intestinali. Per questa ragione può essere usato anche per i bambini, in dosi da concordare a seconda dell’età e del peso, col proprio erborista di fiducia.

Il decotto: Mettere a bollire in 100 g di acqua, per 10 minuti, 2 cucchiaini da caffè di corteccia di frangola. Lasciar riposare per 10 minuti, filtrare e berne una tazza la sera, un’ora prima di coricarsi