Le pesche, frutti tipici della piena estate, contengono numerosi minerali come calcio e potassio e costituiscono un prezioso integratore anti-caldo.

Le pesche aportano numerosi benefici alla nostra salute: sono diuretiche, depurative e antiossidanti, contengono molta acqua (90%), zuccheri semplici (fruttosio), una buona scorta di minerali (soprattutto calcio e potassio) e tante vitamine (A, C, gruppo B).

Le pesche contengono anche dosi consistenti di vitamina C, che facilita l’assorbimento del ferro, minerale utile nella formazione dei globuli rossi, e di selenio, che protegge il Dna delle cellule. Per questo possono considerarsi frutti antiossidanti.

Poco caloriche, le pesche contengono fibre, ottimo rimedio per evitare la stipsi e liberare l’intestino dalle scorie in eccesso, e acqua, utile a reidratare i tessuti e a mantenerli tonici. L’effetto diuretico, inoltre, contribuisce a eliminare i liquidi in eccesso, prevenendo la ritenzione idrica. Quando le scegli, prendile sempre biologiche e di provenienza italiana, meglio ancora se a chilometro zero.

La scelta bio vale per tutta la frutta ma in particolare per le pesche che, insieme a fragole, mele, ciliegie, mirtilli e uva, sono frutti ad alto rischio di contaminazione, poiché spesso le coltivazioni vengono trattate con insetticidi di sintesi.

Preferisci sempre anche le pesche mature, perché se i frutti sono acerbi, il potenziale nutritivo è ridotto perché è la maturazione che aumenta la concentrazione di principi attivi. Le pesche vanno lavate e consumate con la buccia, evitando di spaccare il nocciolo, che contiene amigdalina: una sostanza che, con la digestione, si trasforma nel pericoloso acido cianidrico.

Oltre a risultare un ottimo snack, la pesca aiuta a contrastare l’invecchiamento delle cellule e della pelle grazie alla presenza di carotenoidi che si trasformano a loro volta in vitamina A, importante anche per la salute degli occhi.

Il nocciolo della pesca contiene un seme che dovremmo assolutamente evitare di ingerire in quanto contiene un principio noto come amigdalina, capace di liberare acido cianidrico, dai notevoli effetti tossici!

L’albero del pesco possiede anche una delle più belle e affascinanti fioriture di sempre, prima ancora che le foglie coprano i suoi rami, arrivano i fiori rosa che, in contrasto con il legno, rendono il tutto altamente suggestivo e romantico.