La vite rossa (vitis vinifera) è una pianta officinale che fa parte della famiglia delle Vitacee e veniva utilizzata fin dall’antichità in campo medico. Proprio per le sue proprietà la vite rossa era considerata simbolo dell’immortalità, tanto che era chiamata erba della vita e ad essa veniva addirittura fatta risalire una divinità.

I suoi principi attivi si concentrano nelle foglie, per cui la parte viene utilizzata come rimedio è proprio questa. Nelle foglie si trovano polifenoli e flavonoidi in grande quantità: si tratta di sostanze dalle elevate capacità antiossidanti e capaci di regolare l’apparato circolatorio.

Studi scientifici dimostrerebbero che la vite rossa possa avere effetti positivi sulla riduzione del colesterolo. Inoltre, favorirebbe il rilassamento dei vasi sanguigni e diminuirebbe i rischi di malattie cardiocircolatorie.

Infatti, le sue proprietà antinfiammatorie, unite a quelle antiossidanti, hanno la facoltà di irrobustire i capillari. Inoltre, la vite rossa per le gambe sembra essere particolarmente efficace a livello di drenaggio, ma anche come vasoprotettrice.

Grazie alla ricchezza di principi attivi, gli impacchi con la vite rossa riducono il senso di affaticamento e la pesantezza degli arti inferiori, mentre gli integratori servono a ridurre la pressione arteriosa: i flavonoidi in essa contenuti sono un’efficace prevenzione per infarto e arteriosclerosi.

La vite rossa per le sue proprietà è consigliata anche in menopausa: infatti, una assunzione regolare è utile per ridurre i disturbi che spesso si associano a questa fase fisiologica della vita della donna. Palpitazioni, senso di gonfiore, pesantezza degli arti e tendenza alla couperose sono efficacemente contrastati dal consumo di integratori a base di tisane.

Chi non desidera utilizzare gli integratori, può fare uso anche di infusi e rimedi cutanei, come cosmetici alla vite rossa. Si è infatti notato che i principi attivi della vite rossa danno buoni risultati anche per il loro effetto antiage.

Vite rossa: controindicazioni

Sebbene secondo il parere di alcuni l’uso di vite rossa sarebbe sconsigliato in gravidanza e durante l’allattamento, in realtà non vi sono evidenze scientifiche che lo dimostrino.