Sembrano semplici finestre ma in realtà sono veri e propri pannelli solari. Scopriamo insieme come si rivoluziona il mondo del fotovoltaico, strizzando l’occhio all’ambiente e al portafoglio.

Si chiamano Glass To Power: finestre fotovoltaiche ultra-innovative che rendono la tecnologia solare accessibile a tutti. Fra le problematiche dei pannelli solari ci sono senza dubbio quelle legate allo spazio e all’estetica; da qui la trovata di un’azienda tutta italiana: sviluppare pannelli fotovoltaici trasparenti che, all’apparenza, sembrano finestre.

Un’idea tutta italiana

Il progetto nasce da un’idea di Francesco Meinardi e Sergio Brovelli, docenti di Fisica della Materia e di Fisica Sperimentale del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano Bicocca. Dalla collaborazione dell’ateneo con la società di consulenza tecnologica Management Innovation è stata costituita l’azienda spin-off Glass To Power, da cui il nome delle finestre fotovoltaiche.

Come funzionano le finestre solari

Alla base del funzionamento c’è la tecnologia dei Concentratori Solari Luminescenti (LSC), ovvero lastre di luce plastica all’interno delle quali sono incorporate nanoparticelle otticamente attive capaci di catturare i raggi del sole e di trasformarli in energia elettrica.

Si tratta di una vera rivoluzione nell’universo del fotovoltaico: queste finestre possono essere utilizzate anche dove vincoli urbanistici o ambientali impediscono l’installazione dei pannelli tradizionali, ad esempio in zone d’interesse culturale e centri storici.

Pillole di curiosità

L’interesse per le Finestre Intelligenti non riguarda soltanto il settore dell’edilizia e dell’efficienza energetica. Infatti, sono possibili applicazioni anche in altri campi, come l’automotive o i display per smartphone e tablet. Infatti, i vetri super smart se inseriti in una macchina possono produrre l’elettricità sufficiente per alimentare tutti i meccanismi che non sono legati al motore, migliorare l’efficienza e risparmiare sui consumi.

Le nuove finestre fotovoltaiche dovrebbero vantare un’efficienza del 9,8-10% un costo d’installazione del 20% maggiore rispetto ai classici moduli sul tetto.