Il levistico è una pianta dai molti benefici e utilizzi. Sebbene non sia di uso comune, assomiglia in qualche modo al prezzemolo e può essere ampiamente utilizzato sia come aiuto alla salute, ad esempio dai fisioterapisti, sia in cucina.

È una pianta erbacea originaria della regione mediterranea. Gli antichi romani la utilizzavano per la loro famosa salsa garum, il cui forte sapore e odore conferiscono a questo piatto il suo gusto caratteristico.

Proprietà del levistico

Il levistico è noto per i suoi molteplici usi medicinali: agisce come diuretico, antireumatico, antisettico e digestivo – e aiuta anche a rafforzare i muscoli e a migliorare la salute delle ossa.

Il levistico contiene vitamine C, oli essenziali e resine che aiutano a mantenere l’organismo in salute. Infatti, è considerato un toccasana nella medicina naturale grazie ai suoi principi attivi, particolarmente concentrati nelle foglie e nelle radici di questa pianta.

Il levistico è stato utilizzato per trattare una serie di disturbi urinari, tra cui l’infiammazione dei reni e la ritenzione idrica. L’azione diuretica della pianta è dovuta principalmente alla presenza di un olio essenziale nelle sue radici.

Quest’olio aiuta l’organismo a eliminare l’urina impedendo la perdita di sali minerali. Il levistico è un ottimo rimedio per la ritenzione idrica e gli edemi causati da disturbi renali. I principi attivi del levistico aiutano ad alleviare i disturbi digestivi e respiratori.

Il levistico in cucina

Questa pianta è talvolta chiamata “sedano di montagna”, perché oltre a crescere sulle alture e nelle zone dove il clima è più mite, ha un sapore simile a quello del sedano ma più delicato.

Le foglie di levistico sono utilizzate principalmente in cucina; tuttavia, le radici sono più spesso consigliate per preparare tisane e infusi.

Le foglie di questa pianta erbacea sono profumate: possono essere utilizzate crude nella misticanza o nella giardiniera, oppure cotte con risotti, zuppe e stufati.

I gambi e le foglie del levistico possono essere utilizzati per insaporire piatti a base di pesce, carne o uova.

Il levistico è ampiamente utilizzato nell’industria alimentare per la produzione di dadi vegetali, mentre le piccole imprese e gli artigiani lo usano per creare liquori alcolici con aromi forti, sotto forma di polvere o di pillole.