Matrimonio a prima vista Italia: in tv la nuova edizione

43

Torna ‘Matrimonio a prima vista Italia’. L’esperimento sociale va, infatti, in onda in prima tv su Real Time a partire da mercoledì 10 marzo. Come sempre, anche la produzione della nuova stagione è prodotta da NonPanic Banijay per Discovery Italia e conferma le caratteristiche principali del programma di real life entertainment divenuto ormai cult.

Intanto, il pubblico ritrova il team di esperti chiamati a formare e seguire le coppie attraverso un matching preciso. Interviste, test psicologici, prove attitudinali permettono, infatti, di individuare i profili compatibili (almeno sulla carta). La sessuologa Nada Loffredi ha il compito di valutare l’affinità fisica e l’attrazione dei candidati prima e delle coppie copie. Quindi, spetta al sociologo Mario Abis aiutare neo-sposi nell’instaurare un rapporto di dialogo costruttivo anche in relazione al contesto.

Completa il team di specialisti Fabrizio Quattrini, psicoterapeuta di coppia presidente dell’Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica (IISS) di Roma. A lui l’impegno di lavorare sulla conoscenza reciproca dei protagonisti aiutandoli a superare anche i momenti di crisi.

Sei i single selezionati per tre coppie di sposi che si conoscono solo al momento del fatidico Sì, lo voglio. Da lì, i coniugi vivranno per quattro settimane la loro nuova esperienza matrimoniale imparando a capirsi, scoprirsi, piacersi e anche scontrarsi. Alla fine del primo mese, ciascuno potrà decidere se continuare ad avere al proprio fianco la persona che ha sposato oppure tornare a casa da solo/a.

Ovviamente, questa nuova edizione presenta un aspetto di novità legato alla situazione sanitaria in corso. L’emergenza ha, infatti, reso necessaria l’adozione di tutte le misure di tutela della salute a partire dai casting che sono avvenuti a distanza. Solo i candidati più motivati sono stati convocati in presenza singolarmente per le scelte finali. Ma il distanziamento non ha cancellato la voglia di stare insieme: per i nuovi episodi, infatti, è stato segnato il record assoluto di richieste.