Tragica scomparsa nella giornata di oggi, venerdì 21 giugno 2019, al Meyer di Firenze. Ha perso la vita una bambina di 12 anni, in vacanza in Toscana, colpita da meningite.

“Sono davvero addolorata per la morte della bambina, che era venuta dalla Germania in vacanza qui in Toscana, a Donoratico. E voglio far giungere alla sua famiglia le mie condoglianze più sentite”. Così l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, dopo aver ricevuto la notizia della morte per meningite da meningococco C della dodicenne tedesca, avvenuta oggi al Meyer, dove era stata ricoverata ieri sera, trasferita con l’elisoccorso dall’ospedale di Cecina.

“So che i genitori hanno acconsentito all’espianto degli organi della loro figlia – aggiunge Saccardi – e li ringrazio per questo gesto di grande generosità in un momento di tremendo dolore”. L’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer ha messo a disposizione della famiglia un mediatore e degli psicologi. Quest’anno, la morte della bambina è la prima per meningite da meningococco C. Questo l’andamento dei casi dal 2015 (quando in Toscana si è verificata un’impennata di casi di meningite da meningococco C, e la Regione ha deciso di lanciare la campagna straordinaria di vaccinazione) ad oggi. Nel 2015: 38 casi, di cui 31 C, 5 B, 1 W, 1 non noto. 7 decessi (6 ceppo C – 1 ceppo B). Nel 2016: 40 casi, di cui 30 C, 7 B, 1 W, 1 X, 1 non noto. 7 decessi tutti ceppo C. Nel 2017: 17 casi, di cui 9 C, 5 B, 2 Y, 1W. Nessun decesso Nel 2018: 14 casi, di cui 5 C, 8 B, 1W. 3 decessi, tutti ceppo C. Nel 2019: 7 casi di cui 4 B, 3 C. 1 decesso ceppo B e 1 decesso ceppo C.

In Toscana, anche dopo la conclusione della campagna straordinaria di vaccinazione (30 giugno 2019), la vaccinazione anti meningococco C resterà gratuita fino al compimento dei 20 anni.