Dopo alcuni giorni di assoluta stabilità atmosferica, l’inverno torna a bussare alle porte del nostro Paese. Già a partire dalla prima mattinata di venerdì 21 gennaio, una nuova ondata di venti freddi e umidi provenienti da Est coprirà i cieli italiani su molte regioni. In particolare, al Nord sono previste precipitazioni sin dalle prime ore del giorno su Veneto e Friuli-Venezia Giulia, con piogge e possibili nevicate anche a bassa quota a causa delle basse temperature. Nelle rimanenti regioni settentrionali il meteo potrebbe essere più clemente, anche se fitti banchi di nebbia interesseranno il Piemonte, la Lombardia, la Liguria e l’Emilia Romagna.

Meteo venerdì 21 gennaio 2022, pioggia e neve colpiranno il Centro e il Sud

Al centro la situazione peggiorerà notevolmente sin da oggi e continuerà così anche per tutta la giornata di domani. Fenomeni di media intensità accompagneranno la Toscana, le Marche, l’Umbria, l’Abruzzo e il Lazio. Sono attese forti piogge anche su Roma, mentre per vedere la neve sarà necessario salire lungo la dorsale appenninica sopra quota 1000 metri. Una situazione molto simile si presenterà al Sud e sulle Isole. Piogge e temporali colpiranno la Campania, la Basilicata, la Puglia occidentale e la Calabria. Le nubi oscureranno il sole anche sulla Sicilia e sulla Sardegna, ma non si prevedono precipitazioni se non di carattere sporadico e solo nella zona di Cagliari.

Meteo venerdì 21 gennaio 2022, venti gelidi e mari mossi

Questa grande massa di aria fredda proveniente dagli Urali provocherà un brusco calo termico un po’ ovunque, con le temperature che torneranno anche sotto lo zero nelle prime ore del mattino. Anche i mari risentiranno dei venti provenienti da Est: saranno mossi o agitati soprattutto lungo le coste adriatiche e ioniche.

Queste informazioni sono state elaborate utilizzando, tra l’altro, dati e prodotti del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare pubblicati sul sito www.meteoam.it .