American policeman and police car in the background

Lucy Studey ha raccontato che suo padre per 45 anni aveva ucciso decine di giovani donne e le aveva seppellite con l’aiuto dei suoi figli. Nessuno le ha mai creduto. Adesso, però, sono stati individuati sospetti resti umani nei punti da lei indicati in un remoto tratto dell’Iowa occidentale. Lo hanno confermato gli investigatori a ‘Newsweek’.

La stessa Lucy Studey ha raccontato a ‘Newsweek’: “So dove sono sepolti i corpi“. La donna ha ricordato come suo padre, Donald Dean Studey, avrebbe incaricato lei e i suoi fratelli di aiutarlo mentre trasportava i cadaveri, utilizzando una carriola nei mesi più caldi e uno slittino in inverno.

“Ci diceva semplicemente di andare al pozzo e sapevo cosa significava”, ha aggiunto la donna. E poi: “Pensavo che mi avrebbe ucciso perché non avrei tenuto la bocca chiusa”.

Secondo la donna, il padre, morto nel marzo del 2013 all’età di 75 anni, potrebbe aver ucciso da 50 a 70 donne in tre decenni. Lucy Studey ha riferito anche che suo padre non solo si è sempre assicurato che i suoi figli sapessero cosa stava facendo, ma li ha anche costretti ad aiutarlo con le sepolture. La donna ricorda che il padre aveva detto di una vittima: “La pu**ana se lo meritava“.

La scoperta degli investigatori

Lucy Studey è stata raggiunta sulla scena delle indagini dallo sceriffo della contea di Fremont Kevin Aistrope, due agenti, un addestratore di cani e due cani per le ricerche. “Credo al 100% che ci siano dei corpi lì dentro“, ha riferito lo stesso Aistrope a ‘Newsweek’.

Gli animali hanno annusato sospetti resti umani a Thurman, Iowa, a circa 40 miglia a sud di Omaha, il sito indicato dalla donna. Anche l’FBI si è unita alla ricerche.