Nuove indicazioni sul corretto uso dele mascherine: lo studio

635

Indossare la mascherina non basta: deve essere nuova e posizionata in modo corretto, altrimenti l’efficacia può scendere fino al 25%. Lo indica la simulazione pubblicata sulla rivista Physics of Fluids dalla ricerca condotta dall’Università del Massachusetts Lowell e della California Baptist University.

“In genere si pensa che indossare una mascherina, non importa se nuova o vecchia, dovrebbe essere sempre meglio di niente. I nostri risultati mostrano che questa convinzione è vera solo per le gocce più grandi di 5 millesimi di millimetro, ma non per quelle più piccole di 2,5 millesimi di millimetro”, ha detto Jinxiang Xi, dell’Università del Massachusetts Lowell.

È emerso che l’efficienza di filtrazione della mascherina chirurgica a tre strati può andare dal 65%, se nuova, al 25%, se usata; di conseguenza, secondo gli esperti, indossare correttamente una mascherina nuova fornisce una buona protezione, mentre una mascherina usata ha un’efficienza nettamente ridotta. “Ci auguriamo – ha detto Xi – che le autorità sanitarie rafforzino le attuali misure preventive per frenare la trasmissione di Covid-19, come promuovere l’utilizzo corretto delle mascherine, evitando quelle usate”.

La simulazione condotta al computer dai ricercatori ha indicato che la mascherina modifica il flusso d’aria intorno al viso in modo che l’aria non entri nella bocca e nel naso attraverso percorsi specifici, ma attraverso l’intera superficie della mascherina e a velocità inferiori rispetto a quelle che si avrebbero senza protezioni. La velocità più bassa vicino al viso favorisce l’inalazione dell’aerosol dal naso ed è per questo che la mascherina deve coprire bene anche il naso.