blank

Nuovi colori delle regioni, chi rischia di cambiare a gennaio? Tra le regioni a rischio ci sono anche Lazio e Lombardia ma in totale sono 7 quelle ad andare verso la zona arancione e 12 in totale risultano in bilico. La situazione, infatti, sta peggiorando in tutte le zone d’Italia, complice la variante Omicron del coronavirus.

Nuovi colori, quali sono le regioni in bilico

La soglia critica di occupazione in terapia intensiva, per il passaggio di colore, è fissata al 10% e sono 12 le regioni ad averla ormai superata. Alcune di queste regioni, dunque, rischiano il cambio colore entro le prossime due settimane e quindi a gennaio.

Dai dati forniti nel corso del monitoraggio settimanale che fotografa l’andamento dei contagi da Covid-19, è emerso un peggioramento costante in tutta Italia.

Zona gialla e arancione, quali sono i criteri per il passaggio

Ricordiamo che si va in zona gialla quando il tasso delle terapie intensive supera il 10% e contemporaneamente l’area medica supererà il 15 %.

Lombardia e Lazio a rischio zona gialla

La Lombardia e il Lazio, attualmente, si trovano nella fascia di rischio più bassa e cioè in zona bianca. Le cose, però, potrebbero cambiare rapidamente perché i dati non sono affatto buoni.

Zona arancione, quali sono le regioni a rischio

Sono sette in totale le regioni o province autonome che stanno peggiorando velocemente e rischiano il passaggio in zona arancione: si tratta, nel dettaglio, delle province autonome di Trento e Bolzano, oltre a Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria, Calabria e Marche.

Secondo i dati diffusi dall’ultimo monitoraggio della Cabina di regia in merito all’emergenza coronavirus, la provincia di Trento ha le terapie intensive al 24,4% e l’area medica al 19,1%. Quella di Bolzano ha terapie intensive al 21,1% e area medica 16,4%.