Il ministero della Salute, ha segnalato sul proprio sito internet, il richiamo in via precauzionale da parte del produttore di alcuni lotti di caffè espresso in capsule con i marchi Caffè Trombetta e Lo Zio d’America per la potenziale presenza di ocratossina A oltre i limiti di legge.

I prodotti interessati sono: L’espresso arabica in capsule compatibili a marchio Caffè Trombetta, in confezioni da 10 capsule (55 grammi), con il numero di lotto 02AD07B e il termine minimo di conservazione 07/02/2024; Espresso arabica in capsule compatibili a marchio Lo Zio d’America, in confezioni da 10 capsule (55 grammi), con il numero di lotto 01CD07B e il Tmc 07/02/2024; Espresso arabica in capsule compatibili a marchio Lo Zio d’America, in confezioni da 50 capsule (275 grammi), con il numero di lotto 02CD05B e il Tmc 05/02/2024. caffe espresso arabica lo zio d’america.

Il caffè richiamato è stato prodotto dall’azienda Caffè Trombetta Spa nello stabilimento di via Castelli Romani 132, a Pomezia, nella città metropolitana di Roma Capitale. In precedenza, sempre per la possibile presenza di ocratossina A oltre i limiti, Consilia e Adoro avevano già segnalato il richiamo di alcuni lotti di caffè espresso in cialde e capsule a marchio Consilia, prodotti sempre dall’azienda Caffè Trombetta.

Chi avesse acquistato i prodotti appartenenti ai lotti indicati dal Ministero deve riportarli al punto vendita.

Il caffè richiamato è stato prodotto dall’azienda Caffè Trombetta Spa nello stabilimento di via Castelli Romani 132, a Pomezia, nella città metropolitana di Roma Capitale.

L’ocratossina è una micotossina pericolosa per la salute: può provocare danni all’intero organismo, essendo capace di legarsi alle siero-albumine del sangue. Si può trovare nei cereali, nel caffè, nella frutta secca e nel vino. In molti paesi e nell’Unione europea esistono limiti rigidi al contenuto in ocratossina A in cibi e mangimi, mentre la sostanza non è regolamentata negli USA.