Presunti abusi su pazienti psichiatrici all’ospedale Don Uva di Foggia. Secondo il Corriere del Mezzogiorno, una struttura psichiatrica di Foggia è sotto inchiesta per maltrattamenti ai danni dei pazienti. Trenta persone, tra infermieri, operatori sanitari e personale ausiliario, sono state accusate di maltrattamenti.

Le presunte vittime sono tutte donne di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Si tratta di persone in condizioni di incapacità o di accertata inferiorità psichica o fisica, ricoverate nel reparto di lungodegenza della struttura.

Come riportato dal “Corriere del Mezzogiorno”, il personale sanitario avrebbe, tra l’altro, chiuso i pazienti nelle stanze e li avrebbe legati ai letti o alle sedie con delle lenzuola. I pazienti sarebbero poi stati sottoposti a percosse, umiliazioni, insulti e minacce. In alcuni casi ci sarebbero state anche violenze sessuali.

I pazienti venivano anche afferrati per i capelli e per il corpo e trascinati per i corridoi. L’operazione, denominata “New Life”, è stata coordinata dalla Procura di Napoli ed è iniziata la scorsa estate.