pervinca

La pervinca ha i fusti striscianti e formano così tappeti sempreverdi frai quali in primavera spuntano fiori di un colore molto particolare, un azzuro che trascolora nel malva e da qui l’omonimo colore, il color pervinca. In Russia questa pianticella era molto legata alla stagione primaverile tanto che venne soprannominata “rondine dei fiori”.

Proprietà benefiche della pervinca

Già anticamente la pervinca è stata raccomandata per la cura di molte malattie ed assai apprezzata in fitoterapia per le cefalee e le vertigini, disturbi della memoria, sclerosi cerebrali e per combattere linfomi e mielomi multipli. Le foglie si utilizzano nelle tubercolosi polmonari per le loro capacità emostatiche. E’ anche un ottimo tonico amaro, adatto alle anemie leggere, convalescenze difficili e mancanza di appetito.

Contiene un alcaloide, la vincamina, che migliora la circolazione sanguigna abbassando la pressione arteriosa dilatando i vasi. E’ un fiore a cinque petali irregolari e come tale evoca lapresenza della Grande Madre: infatti nel XVII secolo, in INghilterra, er aconsiderata un’erba sacra a Venere e si raccontava che le foglie mangiate dal marito e dalla sua sposa avrebbero propiziato l’amore fra loro.

Le si attribuiva anche la facoltà di arrestare la fuoriuscita di sangue dal naso se si appendeva una ghiralnda dei suoi fiori al collo. In molti paesi europei er ausanza spargerne i fiori davanti agli sposi me se intrecciavano anche i rami per formarne corone per i morti. Nel Medioevo in Inghilterra talvolta era portata dai condannati a morte: e anche qui vita e morte sono di nuovo contemporaneamente presenti.

Fu amata da Jean Jacques Rousseau che la scoprì nel 1736 nel parco delle Charmettes, a Chambéry, ospite della sua protettrice Madame de Warens. Nel linguaggio dei fiori la pervinca ha ispirato un messaggio dolce, forse un po’ nostalgico, perchè comunica a chi la riceve che si conserva religiosamente il suo ricordo.

Come coltivare la Pervinca

La pervinca è un fiore semplice da coltivare in Italia, sia in vaso che in piena terra. Sono però importanti l’esposizione e l’umidità ambientale.

L’esposizione adatta alla pervinca è di semi-ombra ma anche le zone soleggiate vanno bene, purché riparate da forti venti e con umidità adeguata. Nel periodo estivo meglio non esporre le piante di pervinca al di sotto dei 15°C, se coltivate in piena terra potrete coprirle con del tessuto non tessuto apposito, se invece coltivate in vaso basterà ritirare le piante in zone più calde.

Il terreno ideale è umido, soffice, ben drenato e ricco di sostanze nutritive. Si consiglia l’aggiunta di fertilizzanti liquidi nel periodo estivo, oppure l’utilizzo di humus di lombrico da cospargere sulla superficie del terreno, o ancora l’uso di concimi a lento rilascio. Le irrigazioni sono importanti ma non devono creare ristagni idrici.

La pervinca è un fiore che si propaga per seme, talea dei fusti o con divisione dei cespi. La semina è quella più in uso e si effettua in primavera. La pervinca non necessita di cure particolari, andranno eliminate le parti secche ed i fiori appassiti oltre alle altre operazioni di routine descritte.