Quante volte vi siete chiesti come fare la pizza in casa ed ottenere un risultato degno di una pizzeria? Sicuramente tante volte!.

La pizza fatta in casa è per molti un vero sogno. Riuscire a realizzare un impasto per pizza perfetto, rispettando dosi e tempi di lievitazione che consentano di ottenere un risultato davvero perfetto non è assolutamente facile.

Adesso vediamo come preparare a casa una pizza buona come in pizzeria.

Il tempo è fondamentale

Ingrediente fondamentale è il tempo: per una pizza a regola d’arte, preparate l’impasto il giorno prima e lasciatelo crescere, piano piano, al caldo e lontano da correnti d’aria. Per quanto riguarda le quantità, occorrono 800 g d’acqua ogni kg di farina.

La teglia

Anche le teglie giocano un ruolo cruciale, specialmente durante la cottura. Le migliori sono quelle in ferro, sottili, che si scaldano subito. Ungetele con una generosa quantità d’olio extravergine d’oliva, per non far attaccare la pizza mentre cuoce. A detta dell’autorevole mastro pizzaiolo Gabriele Bonci, fra i più famosi in Italia, questa operazione va fatta solamente la prima volta; dopo il primo utilizzo, poi, la teglia va pulita semplicemente con un po’ di carta assorbente e riposta, unta, così com’è. Molti di voi, di certo, storceranno il naso ma pare che anche i cuochi francesi non lavino mai la padella destinata, nei loro bistrot, alle omelette!

Il pomodoro

Sulla pizza fatta in casa bandita la passata, troppo liquida; optate invece per pelati ben sgocciolati, sminuzzati con una forchetta e generosamente conditi. Stendete il pomodoro sull’impasto, aggiungete olio e sale ed infornate. Dopo 8 minuti circa, togliete la pizza dal forno, aggiungete la mozzarella spezzettata (non prima d’averla fatta scolare bene) ed infornate di nuovo; la doppia cottura permetterà al pomodoro di riposare e vi farà ottenere una pizza casalinga perfetta.

Il lievito madre

Se avete in casa del lievito madre pronto per l’uso potete utilizzarlo anche per una buona pizza fatta in casa. In questo caso ne servirà cira 180 g per 500 g di farina. Come sempre accade quando si utilizza il lievito madre, i tempi di lievitazione sono abbastanza lunghi.

Dovrete attendere almeno 3-4 ore perchè l’impasto raddoppi il suo volume e possiate dare vita ai vostri panetti, che dovranno continuare la loro lievitazione per altrettante ore prima di poter procedere alla cottura