Prezioso alleato in cucina, il dado acquistato o fatto in casa serve a dare sapore ai piatti un po’ insipidi. E in certe occasioni può davvero fare la differenza. Di facile reperimento in tutti i supermercati, il dado da brodo che si compra ha però una pecca di base: contiene glutammato, ingrediente che, in aggiunta a una serie di altri elementi chimici, non ne fa un cibo salutare. Molto meglio, quindi, correre ai ripari e scoprire come poter preparare il dado fatto in casa

Ecco la ricetta per preparare in casa il dado da brodo.

Tempo di preparazione: 1 ore 

Difficoltà: media

Ingredienti per 200 g di dado: 

– una cipolla di media grandezza (100 g circa) 

– 2 carote (100 g circa) 

– 3 gambi di sedano (100 g circa) 

-80 ml di olio d’oliva 

– 2 cucchiaini di curcuma in polvere 

– 4 cucchiaini rasi di sale 

– 3 cucchiai di lievito di birra devitalizzato in scaglie

Preparazione:

Tritate il sedano, la carota e la cipolla. Soffriggeteli nell’olio di oliva in una padella piuttosto spessa e antiaderente su fiamma media per qualche minuto assieme alla curcuma: le spezie andrebbero sempre scaldate per amplificarne l’aroma. Proseguite a fuoco lentissimo per altri 10 minuti.

Quando il tutto inizia ad attaccare, aggiungete il sale: saturare di sale un alimento fa esalare gli ultimi liquidi agli ingredienti e fa sì che smettano di attaccarsi al fondo. Proseguite a fuoco lento per circa 15 minuti, badando bene di compattare il composto e premervi sopra come a strizzarlo con il mestolo. Alla fine il dado sarà rosolato e brunastro.

Rovesciate il tutto nel bicchiere del frullatore, aggiungete il lievito di birra devitalizzato in scaglie e frulla in modo da rendere il dado omogeneo. A questo punto lo potete riporre in un vasetto. Degli aromi resta l’essenza, l’idea. Il dado da brodo così preparato si mantiene un anno e più. Tenetene sempre un barattolo in frigo, un cucchiaino basterà per fare un bel brodo o un buon risotto, per insaporire uno stufato o un sugo veloce.