Alcune erbe aromatiche contengono naturalmente sostanze tossiche, note come alchenilbenzeni. Fra queste ci sono il basilico, il prezzemolo e i semi di finocchio. Tali sostanze possano essere pericolose per la nostra salute. A sostenerlo è il BfR tedesco, ovvero l’Istituto federale per la valutazione dei rischi. A seguito di studi effettuati sugli animali, safrolo, metileugenolo ed estragolo hanno rivelato proprietà cancerogene e mutagene. Ovviamente, ora, si rendono necessari ulteriori studi al fine di confermare quanto scoperto.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Pesto di basilico? Meglio non eccedere

Ma non è tutto: una precedente ricerca, condotta sempre dal BfR, ha posto nell’occhio del ciclone anche il pesto di basilico, in cui sono stati riscontati alti livelli di alcuni alchenilbenzeni. Insomma, non bisogna prestare attenzione solo al basilico fresco ma anche alle varie preparazioni gastronomiche che lo impiegano.

A rincarare la dose circa l’allarme lanciato dell’istituto tedesco è il Comitato Scientifico per l’Alimentazione umana (SCF) della Commissione europea, confermando che safrolo, metileugenolo ed estragolo sono mutageni e cancerogeni. Si consiglia quindi di limitarne l’uso alimentare.