Probiotici: benefici, dove si trovano e modo d’uso

probiotici-benefici

I probiotici sono quei “batteri buoni” che sono presenti nel nostro intestino e che, lo dicono le ricerche più recenti, hanno un ruolo chiave per il dimagrimento, oltre che per la salute in generale. I probiotici però non si trovano solo in farmacia: è possibile assumerli anche con la dieta.

Raggiungendo vivi l’intestino, i probiotici contrastano la proliferazione di batteri dannosi, ottimizzano la funzionalità del colon e contribuiscono all’assimilazione di componenti alimentari indigeribili nella nostra dieta, oltre alla sintesi di sostanze indispensabili, come la vitamina K.

La maggior parte degli alimenti probiotici è costituita da cibi fermentati. È così che si formano i batteri buoni che permettono di digerire con maggior facilità verdura e frutta, contrastando il gonfiore che questi alimenti, indispensabili per perdere peso, possono causare. Gli alimenti probiotici ripopolano la parte benefica della tua flora batterica e, grazie a questa, ti garantiscono una corretta assimilazione degli alimenti.

I batteri buoni, poi, producono alcune vitamine preziose per il corretto funzionamento del metabolismo, come la B12. Una flora batterica in forma contribuisce a evitare gli attacchi di fame, perché equilibra il senso dell’appetito, regolarizzando anche la produzione di succhi gastrici e favorendo il senso di sazietà.

Come assumere correttamente i Probiotici

Come anticipato, i probiotici sono microorganismi vivi e attivi che devono raggiungere indenni l’intestino crasso. Tutti i batteri (con le dovute differenze), subiscono negativamente l’azione acida dei succhi gastrici; per evitare che l’integrazione dei probiotici subisca un depauperamento eccessivo, è buona norma assumerli esclusivamente a stomaco vuoto. in questo modo si ha la certezza che il pH dello stomaco inciderà il meno possibile sul percorso dei batteri tra la bocca ed il colon.

Probiotici e fibre

Quando si assumono alimenti o integratori probiotici è bene associarli a una buona dose di fibre, dette anche prebiotici, un termine che potrebbe essere tradotto come “cibo per i batteri”. Se con crauti, kefir e simili alimenti, popoli il tuo intestino di batteri benefici, con le fibre dai loro da mangiare e permetti che si moltiplichino, favorendone l’attecchimento. Le fibre si trovano in tutta la frutta, la verdura e i cereali integrali.

Tra le più gradite ai batteri “amici”, quelle contenute in porri, carciofi e avena. Tra l’altro, le fibre accelerano il transito intestinale e limitano l’assorbimento di zuccheri e grassi, completando l’azione degli alimenti probiotici. Unica attenzione: bere molta acqua.