La bella stagione porta con sé una vera e propria invasione di zanzare che “si divertono” a infastidirci lasciandoci con punture, pizzichi e tanto prurito.

Grattarsi, però, è la reazione più sbagliata che possiamo avere anche se, in quei momenti sembra l’unica soluzione per alleviare il dolore. I dermatologi, infatti, sconsigliano vivamente di irritare ancor di più la zona colpita dalla zanzara e suggeriscono – al contrario – di adottare semplici accortezze per trovare un po’ di sollievo.

Oltre ad evitare, qualora possibile, aree dove c’è acqua stagnante e usare repellenti spray che confondono le zanzare nella localizzazione delle loro “vittime umane”, esistono alcune creme ad hoc contro il prurito, come le lozioni a base di calamina o pomate all’idrocortisone.

L’effetto sulla puntura è lo stesso, tuttavia chi non volesse ricorrere a farmaci – sono ammessi per combattere l’irritazione da pizzico di mosquito anche gli antistaminici – ha a disposizione un paio di rimedi totalmente naturali e estremamente facili.

Grattare la pelle su cui la zanzara ha lasciato la sua firma peggiora la situazione perché il nostro corpo si difende mettendo in campo una decisa risposta immunitaria, rilasciando cioè istamina: questa sostanza, però, non fa altro che acuire il problema.

Meglio allora provare con uno shock termico: i dermatologi consigliano di applicare del ghiaccio sulla puntura (non direttamente, l’impacco va coperto con un panno) per qualche minuto in modo da anestetizzare la parte colpita e distrarci dal prurito. Va anche bene un impacco caldo da lasciare sulla pelle per alcuni secondi! Basta insomma resistere un po’ prima di cedere e grattarsi e il gioco è fatto!

Punture di zanzara: rimedi naturali

Come evitare di essere punti?

Per evitare di essere punti dalle zanzare, si può ricorrere in via preventiva ad oli essenziali con i quali profumare la casa o da spalmare sulla pelle. 

Se invece ormai la puntura di zanzara è cosa fatta, ecco alcuni rimedi naturali per alleviare il prurito ed il dolore:

Aloe vera: disinfetta la puntura, favorendone la guarigione. 

Limone: il succo del limone diminuisce il gonfiore e il prurito;

Miele: ha proprietà antibatteriche, che sono ideali per bloccare l’irritazione della cute. Strofiniamone un po’ sull’area colpita. Possiamo utilizzarlo da solo oppure mescolato ad un cucchiaino di bicarbonato.

Aglio: strofinato sulla puntura, riesce ad alleviare il gonfiore e il prurito, svolgendo un’azione lenitiva.

Oli essenziali: i più adatti per agire contro il prurito provocato dalle punture di zanzara sono quello al rosmarino, lavanda ed infine cedro. 

Possibili alternative

Senza dubbio il miglior rimedio è la prevenzione. Se invece sei stato punto, dovresti cercare di non grattarti. Per alleviare il fastidio, è comunque possibile provare alcune alternative.

  • Pastella di bicarbonato di sodio e acqua: allevia un po’ il fastidio. Si può usare per i bambini (anche come effetto placebo) perché è commestibile.
  • Allume di potassio o pietra di allume: noto come deodorante o cicatrizzante dopobarba, con l’aggiunta di un po’ di acqua, grazie al suo effetto astringente, può essere usato anche per alleviare un po’ il prurito.

Cosa NON fare

  • Grattarsi: è buona regola cercare di sopportare l’irresistibile grattamento provocato dalla puntura di zanzara. Sfregando il pomfo, infatti, si rischia di favorire ancor più il prurito
  • Indossare abiti neri: sembra che le zanzare siano attirate dal rosso e dai colori scuri; pertanto, si consiglia di preferire vestiti chiari
  • Aprire le finestre di notte: ricercando un pasto di sangue, le zanzare entrano silenziose nelle case, aspettando il momento opportuno per attaccare. Per impedire l’ingresso di questi piccoli insetti nelle case, si raccomanda di chiudere porte e finestre, soprattutto di sera. In alternativa, utilizzare le zanzariere.
  • Utilizzare ammoniaca sulla zona punta dalla zanzara: questo rimedio è assolutamente sconsigliato perché responsabile di ustioni cutanee
  • Applicare gli spray o le lozioni antizanzare su ferite, taglietti o piaghe delle pelle
  • Applicare il prodotto insetto-repellente in caso di ipersensibilità ad una o più sostanze contenute nel prodotto

Cosa Mangiare

  • Assumere frutta, verdura, yogurt e prebiotici per rafforzare le difese immunitarie
  • Assumere tanta frutta e verdura, in quanto ricca di antiossidanti (vitamina C ed E)

Cosa NON Mangiare

  • Evitare di assumere alcolici e birra: sembra che le zanzare siano attirate dagli odori emanati dagli alcolisti, specie se bevitori di birra
  • Non c’è alcuna evidenza scientifica che relazioni il cibo con il miglioramento od il peggioramento dei sintomi indotti da punture di zanzara. Si raccomanda di seguire una dieta sana, bilanciata, ricca di frutta, verdura e povera di grassi.

Prevenzione

  • Portare con sé salviette o stick repellenti da applicare sulla pelle durante la stagione estiva, prima di una passeggiata all’aperto
  • Evitare di passeggiare in prossimità di stagni e fiumi: le zanzare sono infatti attirate dalle zone particolarmente umide
  • Montare le zanzariere sulle finestre per ostacolare il passaggio delle zanzare in casa
  • Installare le lampade antizanzare (dotate di lamina collante): gli insetti sembrano attirati più dalla luce emessa da queste particolari lampade che dalla pelle dell’uomo. Una volta avvicinate alle luce, le zanzare vi rimangono intrappolate
  • Prevenzione ambientale contro la riproduzione delle zanzare (disinfestazione delle zanzare)
  • Piccoli forni elettrici antizanzare, muniti di liquidi repellenti o piastrine che liberano molecole insetticide
  • Accendere gli zampironi, speciali insetticidi a base di piretro indicati come rimedio contro le zanzare, da utilizzare esclusivamente all’aperto

Trattamenti medici

Nella stragrande maggioranza dei casi, i morsi di zanzare non richiedono particolari trattamenti medici, fatta eccezione per le punture multiple nei bambini piccoli e negli anziani, responsabili talvolta di reazioni allergiche importanti. Lo shock anafilattico conseguente a ripetute punture di zanzare comuni costituisce un evento molto raro nel Nostro Paese. Nell’eventualità, si raccomanda di allertare immediatamente i soccorsi sanitari.