blank

Il radicchio rosso contiene sostanze antiossidanti, ciò significa che rallenta l’invecchiamento e previene tumori. Utile anche per la pelle, perché aiuta a mantenerla giovane.

Tra le varie insalate, il radicchio rosso è quella più indicata per depurare l’organismo e per eliminare le scorie che si depositano soprattutto nel fegato e nel colon, favorendo l’accumulo di grasso.

Per favorire questo processo occorre che il radicchio sia naturale, meglio ancora se proveniente da agricoltura biologica. Proprio in virtù del suo colore il radicchio rosso è il più ricco di antociani, sostanze antiossidanti per eccellenza.

Proprietà del radicchio rosso

In generale, le varietà di radicchio rosso contengono una quantità elevata di potassio, che favorisce la diuresi e contrasta la ritenzione idrica, e di antociani dall‘azione antinfiammatoria e protettiva dei vasi sanguigni.

Il radicchio di Treviso in particolare è una tipologia di cicoria rossa poverissima di grassi e zuccheri ma ricca di fibre e vitamine. Il suo contenuto in calcio e ferro contribuisce al rafforzamento delle ossa e la ricchezza di tripofano cura l’insonnia.

Le sue proprietà antiossidanti lo rendono inoltre un vero e proprio alimento anti invecchiamento per la presenza di polifenoli e acido folico, ma anche per il mix di vitamine B, C, K, P e minerali che lo caratterizza. Non hai dunque più scuse: se vuoi avere una pelle liscia e tesa e dimenticare artrite e reumatismi devi assolutamente inserirlo nella dieta! 

Questi polifenoli, oltre a preservare l’elasticità dei tessuti, irrobustiscono i vasi sanguigni e migliorano l’ossigenazione della pelle.Il radicchio è un alimento fortemente vitaminico (contiene vitamine A e C, B1, B2) e rimineralizzantee apporta potassio, calcio, ferro e fosforo ma anche principi amari, indispensabili per ripulire il fegato e favorire la digestione, la diuresi e il drenaggio dei ristagni.

Il radicchio è composto al 90 percento di acqua ed è dunque un alleato fantastico per la linea e se stai cercando di seguire una dieta depurativa. Inoltre, è una fonte incredibile di sali minerali, come potassio, magnesio, fosforo, calcio, zinco, sodio, ferro rame e manganese. Un altro elemento importante sono le sue fibre, fondamentali per il transito intestinali, ma anche per trattenere gli zuccheri presenti nel sangue, per questo motivo è un alimento consigliato a chi soffre di diabete di tipo 2.

Benefici

I benefici del radicchio, come avrai potuto comprendere dalle proprietà e dai valori nutrizionali, sono tanti e di conseguenza diventa importante inserirlo nella tua dieta. Può aiutare la digestione e proteggere il fegato, perché contiene delle sostanze (quelle che gli conferiscono un sapore amarognolo), in grado di promuovere le secrezioni gastriche.

Essendo ricco, inoltre, di molti sali minerali è ideali per prevenire l’osteoporosi ma anche per curare la salute delle ossa. È poi fonte di ferro ed è depurativo. Tra le sue qualità ci sono quelle antiossidanti, grazie alla presenza di vitamina C, carotenoidi e antociani. Hai il colesterolo alto? Il radicchio, allora, è proprio la tua verdura, perché può anche avere un’azione ipocolesterolemizzante.

Il radicchio rosso favorisce la sazietà

Ricco di fibra e acqua e povero di calorie (appena 13 per 100 grammi), il radicchio ha un rapido effetto saziante e grazie al contenuto in cellulosa aiuta a prevenire gli attacchi di fame fuori pasto. La fibra è necessaria al nostro organismo per facilitare l’eliminazione delle scorie in eccesso grazie al regolare funzionamento dell’intestino, il primo passo per prevenire gonfiori, fermentazioni e ristagni di scarti metabolici e migliorare la funzionalità di tutti gli organi.

Non solo: nel processo di digestione, i micronutrienti di quest’insalata liberano dei principi attivi che puliscono e disintossicano questa parte dell’intestino con un’azione sgonfiante e anche antitumorale.

Così come il lattughino, anche il radicchio rosso, grazie al contenuto di triptofano, è blandamente sedativo; gustarlo alla sera, come antipasto prima di cena, può agevolare il riposo ed evita anche i risvegli “per fame” nel cuore della notte.

Il risotto al radicchio rosso: combatte stipsi e gonfiori

In una pentola prepara un soffritto con olio d’oliva e cipolla e fai dorare un pugno abbondante di riso integrale. Affetta finemente le foglie interne del radicchio. Porta quasi a cottura il riso aggiungendo del brodo vegetale e, quando è quasi pronto, unisci il radicchio, un battuto di rosmarino e 1-2 cucchiai di ricotta. Regola di sale. Fai mantecare per qualche minuto e servi con un’abbondante spolverata di pepe nero.

Il radicchio, crudo, cotto o grigliato

Il radicchio è un’insalata amara: appartiene alla famiglia delle cicorie. Si gusta in pinzimonio, nelle insalate e grigliato. Per smorzare il sapore amaro, si può abbinare ad alimenti dolci come l’aceto balsamico oppure si può mescolare alle arance affettate, al finocchio a rondelle o a qualche cipollina in agrodolce. Grigliato, il radicchio rappresenta un buon secondo piatto, è molto saziante e appetitoso: basterà condirlo con un filo d’olio extravergine e una spolverata di gomasio e accompagnarlo con una ciotola di riso basmati integrale o una porzione di ricotta magra.