Fonte immagine (Pixabay)

La sensazione di stanchezza e pesantezza alle gambe è un disturbo legato al sistema circolatorio che riguarda il distretto venoso. Le vene non riescono a far defluire il sangue che ristagna in periferia provocando gonfiore e formicolio accompagnati da rossore e dolore che partono da piedi e si irradiano lungo tutta la gamba fino ad arrivare alle cosce.

La Sindrome delle Gambe Legnose colpisce soprattutto gambe e piedi. Insorge principalmente dalla compressione dei grossi vasi sanguigni e dei nervi, causata dello stare seduti per lungo tempo sull’asse del water. In queta posizione, e mantenendo questa postura per diversi minuti, l’afflusso di sangue diminuisce rapidamente e provoca la perdita completa anche se temporanea della sensibilità, della forza muscolare e la comparsa di formicolii e sensazione di aghi che pungono gli arti inferiori. 

Questo fastidio è molto diffuso soprattutto tra le donne. Spesso si accentua in gravidanza per via dello squilibrio ormonale, e in estate per via delle alte temperature che provocano vasodilatazione e rilassamento con conseguente ristagno di sangue nelle parti inferiori del corpo, generando edema e la tipica sensazione di pesantezza.

I sintomi legati a questo inconveniente sono dunque i seguenti:

  • gonfiore o edema
  • rossore
  • senso di pesantezza
  • bruciore
  • dolore

Gambe stanche e pesanti: i rimedi

Tralasciando le cause patologiche che vanno sottoposte all’attenzione del medico, ci sono una serie di piccoli ma importanti accorgimenti che ti consentono di prevenire e alleviare la fastidiosa sensazione di stanchezza e pesantezza alle gambe.

È molto importante seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, povera di sodio e ricca di fibre e minerali.

Frutta e verdura come l’ananas, gli agrumi e i broccoli ti aiutano a combattere la ritenzione idrica mentre il cacao, le mandorle e fagioli neri sono un’ottima fonte di magnesio e potassio.

È utile assumere molta acqua (almeno due litri al giorno) e svolgere regolare attività fisica che consente di riattivare la circolazione e mantenere in salute le vene.

Se per lavoro passi molto tempo alla scrivania, ricorda di effettuare delle pause regolari in modo da poter per fare dei piccoli esercizi di stretching; munisciti di poggiapiedi, supporto che, oltre a dare sollievo alle gambe,favorisce una postura corretta e allevia i dolori alla schiena.

Queste accortezze possono essere associate a dei trattamenti che ti permettono di guarire prima ed evitare fastidiose e ricorrenti recidive.

Assumi prodotti a base di vitamine e principi attivi antiossidanti, drenanti e vasoprotettori che hanno la capacità di migliorare il microcircolo e combattere la ritenzione idrica.