I sali minerali sono micronutrienti di natura inorganica indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo, dato che partecipano a molti processi vitali.

Sono essenziali e devono essere assolutamente assunte tramite l’alimentazione.

I sali minerali servono principalmente a due funzioni:

  • regolare il bilanciamento idrosalino, favorendo così un buono stato di salute di cellule e tessuti, fondamentale per la contrazione muscolare e la funzionalità del sistema nervoso
  • aiutare gli enzimi a produrre energia dai macronutrienti.

I sali minerali presenti nel nostro organismo si dividono in due categorie:

  • i macroelementi, presenti in quantità maggiori, come il calcio, il fosforo, il magnesio, il potassio, il cloro e lo zolfo
  • i microelementi o oligoelementi, presenti solo in tracce ma ugualmente indispensabili per il corretto svolgimento di numerose funzioni e reazioni biochimiche, come il ferro, lo zinco, il rame, il fluoro, il selenio, lo iodio, il cobalto, il manganese e il nichel.

I sali minerali possono essere assunti in maniera ottimale seguendo un’alimentazione corretta e bilanciata, ricca di frutta e verdura fresca e di stagione.

In particolare:

  • Il calcio si trova in abbondanza il latte e latticini, broccoli e cavoli, pesce, frutta secca, legumi e alcuni tipi di acqua minerale
  • Il fosforo è presente di legume, uova, carne, latte, cereali e verdure
  • Il sodio, invece, è un macroelemento che di frequente viene assunto in eccesso e che va, quindi, limitato. Ne sono ricchi i formaggi, gli insaccati e il sale da cucina
  • Il magnesio, le cui principali fonti alimentari sono gli ortaggi verdi, i legumi, la frutta secca, i cereali integrali, il cacao amaro e il cioccolato fondente
  • Il potassio è disponibile in abbondanza in verdure a foglia verde, numerose varietà di frutta e verdura, legumi, frutta secca, cacao amaro e cioccolato fondente.

Il fabbisogno di sali minerali è estremamente variabile e dipende sia dallo specifico elemento (i macroelementi devono essere assunti in quantità maggiori ai 100 mg al giorno, mentre i microelementi non devono superare i 100 mg al giorno), sia dal sesso, dall’età, sia dalla fase della vita in cui ci si trova.

I sintomi più comuni da deficit di sali minerali sono:

  • stanchezza fisica e mentale
  • spossatezza
  • debolezza muscolare
  • difficoltà di concentrazione
  • crampi muscolari
  • anoressia
  • nausea
  • vomito
  • aritmie
  • sonnolenza 
  • nervosismo

Carenza di sali minerali: i sintomi.

I sintomi della carenza di sali minerali sono molto facili da riconoscere. Possiamo accorgercene quando proviamo stanchezza cronica, difficoltà di concentrazione, mal di testa. Ma anche quando sperimentiamo insonnia, alterazioni dell’umore, irritabilità. E ancora: debolezza, crampi muscolari, alterazioni del ciclo mestruale e, in alcuni casi, stitichezza. Insomma, dovendo riassumere con un’unica espressione i sintomi della carenza di sali minerali, potremmo dire che vi rientra molto di quello che normalmente avvertiamo quando ci sentiamo “a terra”.

L’importanza di reintegrare sali minerali.

I minerali rappresentano il 4% del peso corporeo, sono micronutrienti considerati essenziali poiché il nostro organismo non può sintetizzarli. Infatti, può assumerli solo attraverso il cibo o specifici integratori bilanciati. Reintegrare i sali minerali è perciò davvero molto importante. Il fabbisogno quotidiano di potassio è di 200 mg, mentre quello di magnesio è compreso fra 300 e 400 mg.

Integratori naturali che si possono fare anche in casa. Ecco 3 soluzioni

1. Integratore naturale di sali minerali a base di aceto di mele non filtrato e miele

Il più semplice integratore di sali minerali è costituito dall’aceto di mele non filtrato e non pastorizzato e il miele.L’aceto di mele è una fonte naturale di potassio, mentre il miele è ricco di zuccheri della frutta a lento assorbimento (fruttosio) e presenta inoltre tracce di sodio.Questi due alimenti, usati nella medicina popolare anche come ricostituente, sono potenti integratori naturali di sali e permettono di reimmettere nell’organismo in modo sano e naturale i liquidi persi a causa della sudorazione, sia essa dovuta all’esercizio di sport o alla naturale reazione del corpo alle alte temperature estive, e di apportare potassio, magnesio e sodio facilmente assimilabili dal corpo.

Preparazione dell’integratore: per creare questo integratore naturale di sali minerali basta mescolare in mezzo bicchiere di aceto di mele un cucchiaio di miele, da scegliere tra quello che si preferisce, mescolando fino a che si sciolga il miele, e bere. Può essere preparato anche in quantità maggiori e conservato in frigorifero o comunque in luogo fresco e al riparo dalla luce.

2. Integratore naturale di sali minerali a base di the bancha kukicha e tamari

Il the bancha kukicha è un particolare tipo di the verde ottenuto a partire dalla bollitura di rametti di the. Caratteristica principale del the bancha è l’assenza di teina. Il the bancha è un alimento curativo dell’alimentazione macrobiotica, è ricco di vitamina A, ferro e calcio.Il tamari è invece una varietà di salsa di soia contenente più cloruro di sodio dello shoyu; include naturalmente sodio, potassio, ferro e calcio. L’abbinamento di questi due alimenti è ottimale in caso di affaticamento, dopo sforzi, o per ristabilire il livello energetico.

Preparazione dell’integratore: si fa bollire un cucchiaino di the in una tazza di acqua per circa dieci minuti; si filtra dai rametti e si sciolgono due cucchiai di tamari e si beve caldo. Ha sapore leggermente salato e legoso. È anche un’ottima tisana digestiva.

3. Integratore naturale di sali minerali a base di acqua, sale integrale, succo di limone, e sciroppo d’agave

Questo integratore naturale si può fare in casa senza avere ingredienti particolari. L’acqua reintegra i sali e l’idratazione, il sale apporta il cloruro di sodio, e il limone e lo sciroppo d’agave invece reintegrano il potassio, il calcio, il magnesio e lo zucchero.

Preparazione dell’integratore: per creare questo integratore di sali minerali basta sciogliere in mezzo litro di acqua il succo di due limoni, mezzo cucchiaino di sale integrale fine e un cucchiaio di sciroppo d’agave. In mancanza di sciroppo d’agave si può usare anche del miele.