La carenza di ferro è molto diffusa, in particolare tra le donne e le persone che seguono una dieta troppo povera di nutrienti. È una delle principali cause di anemia, che lascia le persone letargiche e con un aspetto pallido, le rende facilmente irritabili, inclini al mal di testa, capogiri e vertigini.

Il nostro corpo ha bisogno di ferro per produrre una sostanza che trasporta ossigeno e emoglobina nel sangue: se scendono troppo i livelli di ossigeno nel sangue, allora andremo incontro alla serie di disturbi e malesseri sopracitati.

Chiaramente i sintomi dipendono dalla gravità della situazione legata strettamente ad una alimentazione sbagliata. Tra i cibi più ricchi di ferro citiamo il fegato, le frattaglie, la carne di tacchino, i frutti di mare e ancora i legumi, il pesce e il tuorlo d’uovo, mentre è stato scoperto che le tisane – alcune in particolare – possono peggiorare la situazione da questo punto di vista.

Un caso clinico, pubblicato nel 2016, ha rilevato che “il tè interferisce con l’assorbimento del ferro e porta all’anemia da carenza di ferro se consumato in grandi quantità”.

Il composto responsabile di ciò sono i tannini, che hanno dimostrato di ridurre l’assorbimento da parte del corpo di ferro da fonti vegetali.

VeryWell Health spiega: “Il tannino presente nel tè nero gli conferisce il suo colore bruno-rossastro scuro e il caratteristico sapore corposo e astringente. Sebbene la quantità di tannini nel tè nero vari a seconda della varietà, delle condizioni di coltivazione e del metodo di lavorazione, il tè nero è considerato una delle principali fonti di tannini nella dieta umana”.

Chi soffre di carenza di ferro deve stare alla larga anche da vino rosso e bianco, caffè e cioccolata: tutti questi alimenti, infatti, contengono alti livelli di tannini.

Sintomi di una carenza

L’esperta spiega: “I sintomi più comuni di una carenza sono affaticamento, mani e piedi freddi, mal di testa, sensazione di testa leggera, mancanza di respiro associato a lieve dolore al petto (come se la persona avesse difficoltà a respirare). Ancora, lingua gonfia, pelle unghie pallide, fragili e voglie insolite come il ghiaccio”. Anche mancanza di concentrazione e di appetito possono indicarne un deficit.

“Tuttavia, l’aspetto di una persona è un parametro molto subdolo. Potremmo tenere in considerazione questi sintomi:

  • Occhi: pallidi all’interno e gialli sulla sclera (la parte bianca).
  • Unghie: unghie a forma di cucchiaio (koilonychia).
  • Pelle: pelle molto pallida.

Come assorbire bene questo minerale

Una delle chiavi è come combinare gli alimenti con il ferro in modo che questo sia ben assorbito.

  • Le proteine ​​della carne aiutano l’assorbimento del minerale, quindi la carne è una combinazione perfetta per assorbirlo correttamente.
  • Accompagnare cibi ricchi di questo minerale con una fonte di vitamina C come 3 mandarini, 1 arancia, 1 porzione di fragole, 1 kiwi, 1 fetta di papaya. L’acido citrico nella vitamina C aiuta l’assorbimento di questo minerale
  • Il fruttosio e il sorbitolo ne aiutano l’assorbimento. Inoltre, la maggior parte dei frutti ricchi di fruttosio e sorbitolo contengono anche vitamina C.

Inibitori dell’assorbimento del ferro

Vediamo quindi gli alimenti che possono compromettere l’assorbimento del ferro.

  • Caffè, tè e vino.
  • Fibra e crusca.
  • Anche un eccesso di calcio, fosforo e zinco può ostacolare l’assorbimento del ferro.