I semi di girasole sono ricchi di sostanze benefiche essenziali per la salute del nostro organismo, tra cui gli acidi oleico e linoleico, ferro, magnesio, zinco, selenio, triptofano e moltissime vitamine (E e del gruppo B).

A differenza di quanto credono in molti, quelli che comunemente chiamiamo semi in realtà sono i frutti secchi della pianta del girasole, chiamati anche acheni. Ogni fiore (che in realtà è un’inflorescenza, cioè un insieme di molti fiori) ne contiene anche un migliaio, disposti in cerchi concentrici e più chiari man mano che si procede verso l’esterno. Ogni acheno ha un guscio duro esterno e una mandorla interna, il “seme” che conosciamo.

I semi di girasole contengono olio in ragione del 30-55%, proteine facilmente utilizzabili (albumina, lecitina, fitina), vitamine del gruppo B (importanti per il metabolismo energetico e per rigenerare il sistema nervoso), Vitamina E (efficace anti-invecchiamento) e D (irrobustisce il sistema scheletrico), magnesio (antistress), potassio (importante per l’attività muscolare e cardiaca), ferro (componente dell’emoglobina che porta l’ossigeno a tutti i tessuti), oligoelementi (essenziali per varie attività enzimatiche) e glucidi (che sono il carburante per il nostro cervello).

Semi di girasole: i benefici

  1. Sono dei potenti antiossidanti e antinfiammatori naturali
    100 g di semi di girasole contengono circa il 300% della razione giornaliera consigliata di Vitamina E, che ha il potere di contrastare la formazione di radicali liberi responsabili dell’invecchiamento e dell’ossidazione delle cellule.
    Ne giova tutto l’organismo, dalle arterie, che non vengono così intaccate dal colesterolo, alla pelle, che risulta più giovane e tonica.
    Inoltre la vitamina E ha anche grandi proprietà antinfiammatorie e aiuta a ridurre i sintomi di malattie come l’artrite e l’infiammazione articolare.
  2. Aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo e mantengono in salute il cuore
    Gli acidi oleico e linoleico e gli steroli vegetali aiutano a contrastare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e ad aumentare quello buono.
    Inoltre, la vitamina E impedisce che il colesterolo presente nel sangue si ossidi e si attacchi alle pareti delle arterie. Questo porta grandi vantaggi al cuore e a tutto il sistema circolatorio, aiutando a prevenire ictus e infarti.
  3. Sono un supporto in gravidanza e in menopausa
    I semi di girasole sono degli importanti alleati per la salute delle donne in entrambe le fasi biologiche più critiche dal punto di vista della salute. Sono infatti ricchi di acido folico, che è essenziale durante la gravidanza per far sì che il bambino cresca sano e senza complicazioni.
    Il magnesio e il rame, invece, contribuiscono alla salute delle ossa. Per questo sono consigliati durante la menopausa, quando le ossa tendono a diventare fragili e i rischi di osteoporosi aumentano.
  4. Migliorano l’attività intestinale
    Le vitamine del gruppo B permettono di assimilare in modo corretto i cibi e le fibre aiutano a regolarizzare il transito intestinale, sopratutto per chi normalmente non ne assume molte, come nel caso di chi segue un’alimentazione senza glutine.
  5. Aiutano a prevenire i tumori
    Numerosi studi internazionali dimostrano che il selenio aiuti a riparare il DNA e la sintesi delle cellule danneggiate, facendo sì che non solo le cellule cancerogene non si diffondano, ma anzi vengano espulse dall’organismo (questo processo naturale si chiama apoptosi).
  6. Aiutano a calmare ansie, tensioni e mal di testa
    Il triptofano, un amminoacido che serve a produrre serotonina, e il magnesio aiutano a rilassare il sistema nervoso e a calmare l’organismo, aiutando anche in caso di mal di testa o emicranie.

Come consumare i semi di girasole: ricette

Ci sono tanti modi per mangiare i semi di girasole, sono un ingrediente molto versatile in cucina, che ci può accompagnare nei pasti dalla colazione sino al dessert. Andiamo per ordine. A colazione i semi di girasole si possono mangiare con lo yogurt o la frutta. A pranzo potete usarli come condimento per l’insalata, e rendere in questo modo più gustoso e consistente il piatto. I semi di girasole si sposano molto bene anche con la quinoa o un’insalata di riso.

I semi di girasole sono ottimi per una merenda rapida e gustosa. Si possono mangiare da soli, come fossero noccioline.

Infine, per cena ci sono varie ricette semplici e veloci grazie alle quali potrete arricchire i vostri piatti con i semi di girasole. Tra i primi potrete aggiungerli a paste e risotti. In particolare sono ottimi nella pasta al pesto e nella pasta con noci e gorgonzola! Se preparate un risotto ai quattro formaggi metterci sopra alcuni semi di girasole potrebbe creare un gusto contrastastante piuttosto interessante. Sono perfetti anche tostati per dare un tocco croccante alle vostre vellutate di verdura, in particolare alla zucca.