L’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel suo ultimo bollettino settimanale sull’andamento di Covid-19 nel mondo, ha fatto menzione delle sottovarianti BA.4 e BA.5, recentemente individuate. “Un piccolo numero di sequenze BA.4 e BA.5 è stato rilevato in alcuni Paesi”, si legge nel report riportato da ‘Adnkronos’.

Sottovarianti Omicron e il rischio di “fuga immunitaria”: l’allarme dell’Oms

L’Oms ha spiegato che entrambe, sia Omicron 4 sia Omicron 5, “hanno ulteriori mutazioni (S:L452R e S:F486V) nella regione di Spike” di Sars-CoV-2, cioè quella che il coronavirus usa per agganciare le cellule bersaglio, nonché “mutazioni uniche al di fuori di Spike”.

Nel suo report, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inoltre sottolineato che “le mutazioni S:L452R e S:F486V sono associate a potenziali caratteristiche di fuga immunitaria“.

Cosa significa “fuga immunitaria”

Per “fuga immunitaria”, concetto citato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel suo ultimo bollettino settimanale sulla situazione Covid-19 nel mondo, si intende la capacità di una variante di eludere il sistema immunitario e di causare in questo modo reinfezioni.