Ha sparato quattro colpi di pistola all’indirizzo del socio in affari, con cui gestisce un’agenzia di onoranze funebri, ferendolo. Gaetano Aronica, 48 anni, consigliere comunale leghista di Licata (Agrigento), è ora indagato per tentato omicidio. La sparatoria, riporta il Corriere della Sera, è avvenuta mercoledì sera dopo la seduta del Consiglio comunale.

L’episodio è stata ripreso da una telecamera di sorveglianza. Nel video, nelle mani degli inquirenti, si vede il consigliere mentre insegue a piedi il suo socio che era al volante di una Fiat Panda. Poi l’uomo tira fuori una pistola e spara quattro colpi ad altezza d’uomo verso l’auto.

Per fortuna solo un colpo raggiunge di striscio il bersaglio, un uomo di 71 anni, dopo aver infranto il vetro: l’anziano, ferito al braccio, è stato accompagnato in ospedale dove i medici gli hanno diagnosticato 20 giorni di prognosi.

Poco dopo Aronica, accompagnato dal suo avvocato, si è presentato alla caserma dei carabinieri di Licata ed ha confessato, consegnando anche l’arma impiegata, una pistola illegalmente detenuta.

Secondo quanto ricostruito dai militari, il tentato omicidio è avvenuto al termine dell’ennesima lite tra i due, diverbi che andavano avanti da tempo a cause di alcune controversie economiche legate all’attività di onoranze funebri che gestiscono.

Il consigliere comunale è ora indagato dalla procura di Agrigento per tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. Era stato eletto nel 2018 nella lista della Lega, ma dal partito fanno sapere che “non è stato mai tesserato”.