Padre e figlio si abbracciano attraverso una tenda di plastica dotata di apposite maniche, in una clinica per anziani. La tenda, chiamata Tunnel degli abbracci, è stata pensata per permettere agli anziani di riabbracciare i propri famigliari in sicurezza, dopo più di due mesi di separazione per le restrizoni per il coronavirus. La foto è del 16 giugno (Lucas Uebel/Getty Images)

In un nuovo e innovativo progetto di ricerca, i ricercatori dell’Università di Copenhagen, stanno per sviluppare una tecnologia che ci offrirà l’esperienza di essere abbracciati e accarezzati mentre si comunica a distanza.

La maggior parte di noi lo dava per scontato: essere in grado di abbracciare i nostri buoni amici e la nostra famiglia quando ci incontriamo, essere in grado di stare vicini a un concerto e di dare il cinque ai nostri colleghi. La pandemia di Coronavirus ci ha ricordato quanto sia importante il contatto fisico con le altre persone per il nostro benessere mentale. A lungo termine, la privazione del tocco può portare a stress e depressione.

Ma nelle pandemie del futuro, o nelle interazioni sociali con persone lontane, una nuova tecnologia sarà in grado di soddisfare alcuni dei nostri bisogni fondamentali di tocco. Un nuovo progetto di ricerca sostenuto dall’UE chiamato TOUCHLESS è quello di sviluppare una tecnologia che renda possibile sentire il contatto tra le persone senza che esse siano fisicamente insieme. La tecnologia ci fornirà l’esperienza di essere accarezzati e abbracciati, anche se non lo siamo.

In altre parole, un tocco senza contatto. “Quello che potrai sentire sono le onde ultrasoniche che il tuo computer o telefono invia verso la tua pelle. Attraverso queste onde ultrasoniche, possiamo creare sensazioni piuttosto complesse di esperienze tattili”, afferma Joanna Bergström, assistente professore presso il Dipartimento di Informatica dell’Università di Copenaghen. Questo tipo di tecnologia esiste oggi solo in una forma limitata che può creare ciò che chiamiamo tocco funzionale. Ad esempio, puoi premere i pulsanti “in aria” invece di un pulsante fisico.

Con il progetto TOUCHLESS, ci interessa sviluppare il social touch e allo stesso tempo indagare quali tipi di esperienze tattili è possibile creare. La ricercatrice Bergström, sottolinea che sarà importante sviluppare una soluzione che permetta agli utenti di controllare se vogliono sentire il tocco o meno. Se immaginiamo che sarà possibile inviare carezze tramite un’app di incontri, gli utenti devono ovviamente essere in grado di controllare i propri confini. Anche il modo in cui possiamo farti sentire libero di agire sia nel toccare che nel ricevere il tocco è qualcosa che stiamo investigando. Una volta che la tecnologia sarà completamente sviluppata, sarà in grado di migliorare radicalmente le interazioni sociali virtuali.

Per anni, molte persone hanno collaborato digitalmente oltre confine o si sono stabilite in paesi diversi dal loro paese d’origine, e per queste persone, la tecnologia touchless creerà una sensazione di connessione in misura maggiore rispetto ai programmi di chat video che conosciamo oggi. Ma potrebbero esserci anche altre applicazioni in aree digitalizzate in cui gli elementi dell’esperienza fisica sono attualmente persi. Questo vale, ad esempio, per l’e-commerce. In questo caso, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , la tecnologia potrebbe consentire all’utente di percepire la qualità dei prodotti che sta valutando di acquistare, afferma Joanna Bergström. Il progetto TOUCHLESS è iniziato nel gennaio 2021 e durerà quattro anni.

Il progetto è una collaborazione tra ricercatori dell’University College London, dell’Università di Copenhagen e della Public University of Navarra, oltre alle società tecnologiche Ultraleap, SoftServe e Crowdhelix. Il campo di ricerca si chiama aptica, che deriva dalla parola greca haptesthai , “toccare”. In tattile, i ricercatori lavorano con le sensazioni tattili, che vengono utilizzate, tra le altre cose, nella realtà virtuale.