Nel suo nuovo test sugli spaghetti, il Salvagente ha riscontrato che tutta la pasta testata (20 marche in totale) era priva di tracce di glifosato, un erbicida controverso. Si tratta di un miglioramento rispetto a due anni fa, quando erano state trovate tracce in alcune marche.

Alcuni campioni di pasta contengono piccole tracce di pesticidi, micotossine e furosina, un contaminante che viene rilasciato quando gli spaghetti vengono essiccati ad alte temperature.

La maggior parte dei campioni di pasta è risultata buona o almeno passabile; solo 3 marchi hanno ottenuto un punteggio di 5, il più basso possibile in questo test.

Tra queste vi sono gli spaghetti Combino venduti da Lidl.

Cosa contengono gli spaghetti Combino Lidl

Il Salvagente ha riportato le seguenti specifiche del prodotto Combino Lidl:

• Prezzo (euro/kg): 1,25
• Origine grano: Ue e non Ue
• Glifosato: Assente
• Altri pesticidi (mg/kg): Piperonyl butoxide 0,031
• Don (mcg/kg): 291
• Furosina (mg/100 g):Eccellente
• Prova organolettica:Media

Gli spaghetti Combino di Lidl sono stati penalizzati per la presenza di un pesticida, il Piperonyl butoxide, ma soprattutto perché contenevano DON, che è ben al di sotto dei limiti di legge per gli adulti e al di sopra di quelli per i bambini.

Una pasta che è meglio non dare ai bambini

Come riporta Il Salvagente:

Non si tratta di irregolarità, ma di una pasta che è meglio non dare ai bambini piccoli, quindi non c’è nulla di illegale, infatti l’azienda non vende prodotti specificamente pensati per l’alimentazione dei bambini.