Un’azienda biotecnologica statunitense ha ricevuto l’approvazione del Dipartimento dell’Agricoltura per sviluppare un vaccino che potrebbe aiutare a proteggere le api da malattie.

Una decisione storica, secondo gran parte della comunità scientifica, che potrebbe contribuire a spianare la strada al controllo di virus e parassiti che hanno decimato le popolazioni di api negli ultimi anni.

Si tratta in assoluto del primo vaccino approvato per qualsiasi genere di insetto negli USA.

Un vaccino per le api?

Il farmaco protegge le api da un agente patogeno molto aggressivo noto come peste americana.

In passato, gli apicoltori dovevano distruggere interi alveari infettati dalla peste. Dalail Freitak, professore specializzato in api da miele presso l’Università Karl-Franzens di Graz, in Austria, e direttore scientifico di Dalan, l’azienda produttrice del vaccino, ha spiegato l’importanza della notizia con queste parole:

Milioni di alveari, che ospitano api fondamentali per l’impollinazione delle colture in tutto il mondo, hanno scarse difese contro le malattie. Ma ora, grazie allo sviluppo di un vaccino da parte dei ricercatori, possiamo proteggere questi importanti insetti dai virus dannosi”.

Il modo in cui il vaccino viene somministrato alle api è molto diverso da quello in cui verrebbe somministrato agli esseri umani. Invece di essere iniettato, il siero sarà incorporato nel polline o nel cibo per le larve e le regine – fonte di nuove colonie di api – prima che emergano dalle celle come adulti, conferendo loro l’immunità.

A cosa serve vaccinare le api

L’introduzione di questo vaccino è una notizia gradita per la salute globale delle api mellifere, importanti per la nostra alimentazione ma in forte declino.

Si ritiene che la causa principale del crollo sia il cambiamento climatico, ma anche i pesticidi e le malattie come la peste americana, che possono essere letali per intere colonie.

Le api svolgono un ruolo essenziale nell’impollinazione di molte piante e fiori, fondamentale per la salute del pianeta.

La maggior parte delle colture utilizzate per l’alimentazione umana, come frutta, verdura e noci, dipende dall’impollinazione effettuata dagli insetti, in particolare dalle api.