Variante Delta “Diventerà dominante”, ecco quanto è diffusa in Italia

La conferma dell’aumento dei casi di variante Delta in Italia è arrivata dallo stesso presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, il quale che sostiene il sorpasso ai danni dell’Alfa avverrà entro l’autunno: “Negli ultimi giorni il Centro europeo per il controllo delle malattie, l’Ecdc, ha pubblicato un documento in cui sottolinea l’importanza della circolazione della variante Delta dovuta al fatto che è più trasmissibile rispetto alla variante Alfa, che conosciamo meglio come variante inglese.

“E questo fa sì che, nelle previsioni del Centro europeo per le malattie, nelle prossime settimane, e comunque durante l’estate, questa possa diventare o diventerà la variante dominante nella circolazione in tutti i nostri Paesi” ha affermato Brusaferro.

La circolazione in Italia della variante Delta del coronavirus è in continua crescita. A confermarlo, dopo le stime di diversi studi, è l’Istituto superiore di sanità tramite il report sulla diffusione dei diversi ceppi di Sars-CoV-2 nel territorio nazionale.

In attesa dei dati ufficiali dell’indagine rapida disposta dal ministero della Sanità, le prime segnalazioni arrivate all’Iss rilevano un aumento del ceppo indiano e del suo sottotipo, variante Kappa, dal 4,2% di maggio al 16,8% di oggi.

Anche se questo ceppo presenta una trasmissibilità più elevata rispetto ad altre varianti diffuse in Italia, l’Iss ha confermato l’efficacia dei vaccini in uso nel nostro Paese nel prevenire casi di malattia ed infezione dovuti a questa variante.