Vetiver, l’olio essenziale della tranquillità

167
vetiver-olio essenziale

L’erba del vetiver è una pianta tropicale spontanea. La peculiarità di questa specie è l’apparato radicale, costituito da una grande massa di radici fibrose e resistenti che si accrescono verticalmente fino a profondità elevate – anche 5 m – senza svilupparsi lateralmente, così da non creare competizione con la vegetazione circostante. La varietà coltivata è sterile e questo impedisce che si diffonda nell’ambiente, prevenendo così la contaminazione della flora locale. La profondità e la robustezza dell’apparato radicale del vetiver ha trovato applicazione industriale contro l’erosione del terreno.

Il vetiver è una pianta erbacea originaria dell’India meridionale e dello Sri Lanka, dotata di un complesso intreccio di radichette bianche sotterranee. Da queste viene estratta un’essenza dall’aroma intenso, legnoso, che può variare nel sottotono, da dolce a secco, a seconda della provenienza geografica.

In Oriente le componenti verdi della pianta vengono intrecciate per formare delle aromatiche stuoie, mentre l’olio viene denominato, per le sue caratteristiche, “olio della tranquillità”. Il profumo è molto gradevole e viene utilizzato spesso per aromatizzare cosmetici e profumi. Il suo impiego in aromaterapia riguarda in particolare la sfera psichica, su cui esercita un’azione di stimolazione in caso di stanchezza, depressione, scarsa energia e un effetto riequilibrante in caso di stress, paure, tensioni.

L’azione esercitata dal vetiver varia da soggetto a soggetto e va “testata” individualmente: su alcuni prevale l’effetto rilassante e sedativo, che si esplica per esempio con un bagno o un massaggio serale, prima di andare a letto, per conciliare il sonno; su altri invece esercita maggiormente un’azione tonica ad energizzante.

In quest’ultimo caso è consigliabile utilizzare l’essenza per una doccia mattutina ed evitare l’applicazione alla sera, per non attivare e stimolare il sistema nervoso e rendere quindi più difficoltoso l’addormentamento. Per massaggi è indicato in caso di contratture e dolori muscolari; aggiunto all’acqua, per impacchi e lavaggi, è utile per l’igiene della pelle grassa o con tendenze acneiche.

Il vetiver lenisce dolori muscolari e articolari

Lenire dolori articolari e muscolari? L’olio essenziale di vetiver può essere utile anche in questo senso, meglio se in combinazione con l’ottima arnica. Come base per massaggi, aiuta infatti ad attenuare i dolori dovuti a spasmi, distorsioni e disturbi addominali. È utile per artrite, sciatalgia e reumatismi.

  • Oltre all’azione stimolante per la circolazione, contribuisce a tenere sotto controllo le tensioni addominali dovute al ciclo femminile e aiuta in caso a favorire le mestruazioni e a ridurre gli effetti di flussi irregolari.
  • Il vetiver si trova spesso nella formulazione di creme da rasatura e dopobarba: dona sollievo alla pelle rendendola al tempo stesso idratata, profumata e rinvigorita.
  • Come insegnano le antiche tradizioni indiane, è ottimo come repellente naturale contro gli insetti.
  • Infine, è un antiossidante naturale: aiuta a prevenire certi tipi di danneggiamento cellulare, contribuendo  a rallentamento l’invecchiamento. L’Università del Sud Carolina ha studiato queste proprietà, dimostrando che l’olio di vetiver possiede una forte abilità nella rimozione dei radicali liberi.

Il vetiver idrata la pelle e stimola la circolazione

Conoscevi tutte queste potenzialità dell’olio essenziale di vetiver? Le sue proprietà non sono ancora finite, vediamone altre:

  • È un potente antisettico, tonico e depurativo. È un rimedio refrigerante, astringente e cicatrizzante in caso di acne e pelle grassa. Purifica l’epidermide dalle impurità e aiuta a contrastare l’eccesso di sebo. Puoi usarlo con soddisfazione anche per i capelli grassi. Per cute e chioma, abbinalo al tea tree oil o all’olio essenziale di limone. Svolge anche un ruolo cicatrizzante, promuovendo la rigenerazione di pelle e tessuti.
  • La sua azione antiossidante lo rende perfetto, magari in abbinamento con altri oli essenziali, anche per trattare smagliature, cellulite e altri inestetismi.
  • Favorisce la circolazione rafforzando gli eritrociti, le cellule che trasportano l’ossigeno nel sangue.
  • È un antisettico: applicato su piccole ferite, riduce il rischio di contrarre infezioni.